Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Antrace: domande e risposte

di
Pubblicato il: 19-10-2001

Cos'è e come si trasmette; Tutto quello che dovete sapere su un batterio che sta spaventando il mondo. Sintomi, vaccini, terapie. Una risposta ad ogni domanda! Antrace, detta anche Carbonchio, è una malattia infettiva acuta provocata dalle spore del battario Bacillus Anthracis.

Sanihelp.it - Antrace(chiamata anche carbonchio) è una malattia infettiva acuta causata dalle spore del batterio Bacillus anthracis. L’antrace solitamente colpisce animali selvaggi o domestici (bestiame, pecore, capre, cammelli, antilopi e altri erbivori) ma può trasmettersi anche agli uomini se vengono a contatto con animali infetti o con i loro escrementi.

Come si trasmette l’antrace?
L’infezione da antrace può trasmettersi in tre forme: cutanea(pelle), da inalazione, e gastrointestinale. Le spore del B. anthracis possono sopravvivere nel terreno per molti anni e gli uomini possono infettarsi toccando escrementi di animali infetti o inalando le spore da escrementi di animali infetti.
L’antrace può essere preso anche mangiando carni crude o poco cotte provenienti da animali infetti. Tuttavia in Italia è raro trovare animali infetti e la malattia inesistente.

Quali sono i sintomi dell’antrace?
I sintomi della malattia variano in funzione del periodo tra contagio ed insorgenza. Solitamente i sintomi compaiono entro 7 giorni dal contagio.

Cutanea: Molte(circa il 95%) infezioni da antrace sopravvengono quando il battere entra nell’organismo tramite una ferita o un’abrasione cutanea; più frequentemente si contrae toccando il vello, la pelle o il pelo di un animale infetto. La lesione cutanea inizia con la formazione di una specie di foruncolo pruriginoso simile alla puntura d’insetto ma che entro 2 giorni si trasforma prima in vescica e successivamente in ulcera molto dolente. Solitamente misura 1-3 cm di diametro e si presenta con una caratteristica area necrotica nerastra al centro. I linfonodi adiacenti sono gonfi. Circa il 20% dei casi di antrace cutanea non trattati viene a morte. La morte è rara se viene intrappreso un trattamento antibiotico corretto.

Da inalazione: I sintomi iniziali sono identici a quelli di un banale raffreddore. Dopo alcuni giorni i sintomi si aggravano progressivamente con grave difficoltà respiratoria e shock. L’antrace da inalazione è solitamente fatale.

Intestinale: La forma intestinale della malattia, può manifestarsi i seguito ad ingestione di carni contaminate ed è caratterizzata da una infiammazione acuta del tratto intestinale. I sintomi iniziali sono nausea, perdita dell’appetito, febbre seguita da dolore all’addome, vomito di sangue e intensa diarrea. La forma intestinale è letale nel 25% - 60% dei casi.


L’antrace puo’ trasmettersi con il contatto da persona a persona?
La trasmissione da persona a persona dell’antrace è una evenienza estremamente rara. La frequentazione di individui infetti non espone al rischio di contagio.

Esiste un modo per prevenire l’infezione?
Nei paesi dove l’antrace è comune e la vaccinazione degli animali è poco utilizzata, gli uomini devono evitare il contatto con il bestiame e gli escrementi animali ed evitare di consumare carne non correttamente macellata o poco cotta. Il vaccino anti-antrace è stato approvato anche per l’uso nell’uomo. Il vaccino sembra essere efficace al 93%.

Cosè il vaccino anti-antrace?
Il vaccino è prodotto da una ditta americana, la BioPort Corporation a Lansing (Michigan). Il vaccino è prodotto per filtrazione, è privo di cellule e non contiene batteri vivi o morti. Il vaccino prodotto per gli animali è diverso da quello per l’uomo e non puo’ quindi essere utilizzato.

Come viene effettuata la vaccinazione?
L’immunizzazione viene raggiunta con tre somministrazioni sottocutaneee a 2 settimane di distanza tra di loro seguite da tre iniezioni sottocute fatte a 6, 12, e 18 mesi. Consigliabile poi un richiamo annuale.

Ci sono effetti collaterali con la vaccinazione?
Una lieve reazione locale è riportata nel 30% dei vaccinati. Reazione locali più gravi sono rare e essenzialmente si limitano a gonfiore e dolore di tutto il braccio. Reazioni sistemiche sono riferite nel 0.2% dei vaccinati.

Come è diagnosticata l'antrace?
La diagnosi viene posta isolando nel sangue, nelle lesioni cutanee e nello sputo o secrezioni bronchiali il B. anthracis, in alternativa ricercando gli anticorpi relativi nel sangue di individui sospetti di malattia.

Esiste un trattamento per l’antrace?
I medici conoscono e possono prescrivere antibiotici efficaci. Per essere totalmente efficace il trattamento deve essere avviato precocemente. La malattia se non trattata porta a morte.

Dove posso avere altre informazioni?
Dal Ministero della Salute è stato avviato un numero verde, 800 571661, a cui è possibile rivolgersi ed ottenere tutte le informazioni. 



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti