Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Memoria: nuovo metodo indica predisposizione all'Alzheimer

di
Pubblicato il: 11-01-2010
Sanihelp.it - Dopo i 50 anni di età sottoporsi - anche in condizioni di normalità - a test di memoria può evidenziare precocemente la predisposizione a sviluppare la malattia di Alzheimer. Ciò unendo la valutazione con test a un nuovo tipo di risonanza magnetica nucleare in grado di rilevare le alterazioni anatomiche a carico delle aree del cervello responsabili del funzionamento della memoria stessa, alterazioni che risultano sempre associate a eventuali deficit.

Lo ha messo in evidenza uno studio italiano condotto presso l’IRCCS Fondazione Santa Lucia di Roma e pubblicato su Neurology, rivista ufficiale dell’American Academy of Neurology.

Questo studio ha evidenziato che è l’ippocampo (insieme alle vicine strutture paraippocampali) il primo a essere aggredito dall’Alzheimer. Ciò spiega perché un deficit della memoria è il più immediato campanello d’allarme dell’insorgenza della malattia anche in soggetti relativamente anziani e apparentemente normali.

I ricercatori hanno preso in esame 76 soggetti sani di età compresa tra i 20 e gli 80 anni: è emerso che nei soggetti al di sopra dei 50 anni le basse prestazioni ai test di memoria sono correlate a significative alterazioni microstrutturali a livello dell’ippocampo.

I risultati dello studio suggeriscono quindi che anche nei soggetti anziani con prestazioni della memoria ridotte al livello più basso della soglia di normalità – ma non clinicamente rilevanti – andrebbe accertata l’eventuale contemporaneità di alterazioni microstrutturali a carico dell’ippocampo. Il riscontro di questa associazione tra le due condizioni potrebbe essere predittiva di un’aumentata suscettibilità a sviluppare la malattia di Alzheimer.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
IRCCS Fondazione Santa Lucia

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti