Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Luteina per prevenire l'affaticamento visivo da computer

di
Pubblicato il: 12-01-2010
Sanihelp.it - Presente negli ortaggi a foglia verde scuro come gli spinaci, ma anche nella frutta, nel frumento e nel tuorlo d’uovo, la luteina è un carotenoide noto per le sue proprietà antiossidanti. Nell’organismo umano si concentra soprattutto a livello della macula retinica, dove svolge un’importante funzione protettiva. Si tratta però di una sostanza che l’organismo non riesce a sintetizzare e che deve essere assunta con gli alimenti.

A questo proposito NFI – Nutrition Foundation of Italy – Centro Studi dell’Alimentazione – segnala due studi scientifici che confermano i benefici della luteina per la salute dell’occhio e per ridurre gli effetti dell’affaticamento visivo.

Il primo studio, pubblicato sulla rivista Applied Ergonomic, ha esaminato l’effetto della supplementazione giornaliera di luteina, in combinazione con zeaxantina ed estratto di mirtillo, sull’affaticamento della vista.

Le prove di lettura hanno effettivamente causato un affaticamento visivo, sia soggettivamente percepito che monitorato mediante elettroencefalogramma, che è risultato significativamente ridotto dalla supplementazione rispetto al placebo, come hanno dimostrato l’analisi del potenziale di fissazione dell’occhio e gli altri parametri psicofisiologici.
Secondo questi risultati l’assunzione di luteina con zeaxantina e estratto di mirtillo potrebbe contribuire a ridurre i sintomi dell’affaticamento visivo.

L’integrazione con la sola luteina è stata invece oggetto del secondo studio, pubblicato sul British Journal of Nutrition. Le concentrazioni plasmatiche di luteina e la sensibilità al contrasto luminoso, determinate all’inizio dello studio e al termine della fase di supplementazione, sono risultate positivamente correlate ai livelli di assunzione del carotenoide, mentre il miglioramento dell’acuità visiva è stato rilevato solo nei soggetti che ne avevano assunto la dose più elevata.

Questo studio conferma quindi i benefici dell’apporto di luteina per la funzione visiva e suggerisce che una supplementazione di questa sostanza non debba essere limitata ai pazienti con patologie oculari, ma che possa avere effetti positivi e protettivi anche sulla vista di persone sane.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
NFI – Nutrition Foundation of Italy – Centro Studi dell'Alimentazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti