Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Curarsi e mantenersi giovani con le piante

Cavoli, cavolfiori e broccoli: vegetali anti-age

di
Pubblicato il: 26-01-2010

Uno studio scientifico conferma gli effetti benefici delle brassicacee nel contrastare l'invecchiamento precoce. Ma queste piante hanno anche altre virtù.

Cavoli, cavolfiori e broccoli: vegetali anti-age © Sxc Sanihelp.it - Cavolfiori, broccoli, cavolini di Bruxelles, rape e cavolo nero sono da sempre vegetali molto apprezzati e utilizzati nella cucina italiana non solo per la versatilità e il buon sapore, ma anche per le loro proprietà salutari, specialmente anti-invecchiamento.

Queste piante, appartenenti alla famiglia delle brassicacee o crucifere, sono infatti ricchi di isotiocianati, composti aromatici contenenti zolfo responsabili del loro odore tipico, e di micronutrienti importanti come la vitamina C, B, PP, provitamina A e minerali quali calcio, fosforo, ferro e potassio.

L’Osservatorio AIIPA (Associazione Italiana Industrie prodotti Alimentari – Area Integratori Alimentari) segnala uno studio pubblicato su Nutrition and Cancer che conferma gli effetti benefici delle brassicacee nel contrastare lo stress ossidativo che può essere causato dall’inquinamento dell’aria, dal fumo di sigaretta, dall’esposizione prolungata ai raggi ultravioletti e anche da un’alimentazione scorretta.

Lo studio ha coinvolto un gruppo di 20 uomini con l’obiettivo di valutare gli effetti dell’introduzione di sulfurafane, il più importante fra gli isotiocianati, all’interno della dieta quotidiana.

Dall’analisi dei risultati è emerso che, nei soggetti che avevano assunto la dieta addizionata con sulfurafane, si registrava un miglioramento nei parametri di danno ossidativo a livello di DNA; miglioramento che risultava particolarmente evidente nei soggetti fumatori. Gli studiosi concludono quindi che l’assunzione giornaliera di isotiocianati provenienti da brassicacee eserciterebbe un importante effetto di protezione contro lo stress ossidativo associato al fumo.

I ricercatori ricordano inoltre che, per combattere i danni da stress ossidativo, è importante seguire semplici regole comportamentali come lo svolgimento di una regolare attività fisica a intensità medio/bassa, non fumare, limitare il consumo di alcol, evitare l’esposizione prolungata ai raggi solari, consumare abbondante frutta e verdura.

Le piante appartenenti alla famiglia delle brassicacee sono dotate anche di altre qualità importanti per la salute, per esempio mucolitica, antireumatica, antinfiammatoria e diuretica.

La borsa del pastore, per esempio, ha proprietà antiemorragiche ed è quindi utile per normalizzare il flusso mestruale, la coclearia è efficace nelle affezioni dei bronchi, mentre l’erisimo è specifico invece per le affezioni di faringe, laringe e trachea con alterazione della voce.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AIIPA

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti