Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

La psoriasi imbarazza e può portare al divorzio

di
Pubblicato il: 03-02-2010
Sanihelp.it - Da qualche giorno è partito il progetto D-DIVE, Dermatology Disease Immersive Virtual Experience, un progetto di formazione interattiva di rilevanza nazionale che coinvolgerà, nel corso dell’anno, oltre 200 dermatologi italiani dei centri pubblici dedicati alla cura della psoriasi (Psocare).

Gli specialisti saranno immersi all’interno di un ambiente didattico avveniristico presso il CELL di Padova, Center for Experiential Learning, il primo centro per la formazione esperienziale in Italia. Schermi interattivi, set virtuali e media esperienziali con l’obiettivo di migliorare la condizione di chi soffre di psoriasi attraverso l’esperienza virtuale immersiva.

Quasi il 3% della popolazione deve fare i conti con la psoriasi. Più di 100 milioni di persone sono colpite nel mondo, 2 milioni e mezzo in Italia.

Secondo la National Psoriasis Foundation, il 71% delle persone affette da psoriasi dichiara di sentirsi indifeso, il 63% dichiara che questa malattia ha avuto un forte impatto sul proprio benessere emotivo generale e la metà (54%) la considera deturpante, con risvolti drammatici sulla vita di relazione, il lavoro e gli affetti. Tanto che fra i giovani si registra un tasso di divorzi doppio rispetto alla popolazione generale.

Per le donne, la psoriasi rende il proprio aspetto sgradevole (68%) e quasi la metà (48%) ha cambiato modo di vestire a causa della malattia. Il 43% dei giovani arriva a definire la propria condizione socialmente imbarazzante.

Oggi sono disponibili in Italia ambulatori pubblici specializzati nella cura della psoriasi della rete Psocare a cui è possibile accedere attraverso l’impegnativa del proprio Medico di Medicina Generale. Per conoscere il centro più vicino alla propria città è sufficiente collegarsi al sito www.psocare.agenziafarmaco.it.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti