Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

L'importanza del calcio per le ossa delle donne

Donne in salute con latte, sole e jogging

di
Pubblicato il: 02-03-2010

Due donne su tre non assumono abbastanza calcio. Con il tempo, le ossa ne risentono. Come proteggerle?

Donne in salute con latte, sole e jogging © SXC Sanihelp.it - Una donna bella e in forma è innanzitutto una donna in salute, che si prende cura di sé e cerca di mantenersi attiva e di mangiare bene. Per sentirsi bene dentro e fuori è importante, oltre a curare pelle e capelli, preoccuparsi della salute delle proprie ossa, in primo luogo assicurando all’organismo una dose ottimale di calcio.

Un insufficiente apporto di questo minerale può mettere a repentaglio la salute del complesso sistema che consente alle donne di stare in piedi, cucinare, spingere la carrozzina, fare la spesa, ecc.

«Il calcio è fondamentale a tutte le età della donna: è indispensabile per la formazione di uno scheletro sano durante la crescita poi, in età adulta, per il mantenimento del proprio capitale osseo - spiega Maria Luisa Bianchi, Segretario generale della Lega Italiana Osteoporosi onlus (LIOS) e medico del Centro Malattie Metaboliche Ossee dell’Istituto Auxologico Italiano IRCCS - Durante la gravidanza e l’allattamento, per esempio, le donne cedono calcio al bambino, impoverendo così il proprio osso. Nell’arco di sei-otto mesi dopo la fine dell’allattamento c’è, in genere, un recupero; tuttavia in mancanza di una sufficiente assunzione quotidiana di calcio il recupero spesso è solo parziale».

Infine, più avanti negli anni, il calcio aiuta a limitare le perdite di massa ossea che si verificano fisiologicamente durante l’invecchiamento. La donna affronta l’invecchiamento con un osso meno robusto dell’uomo. Considerando anche che in media vive più a lungo, è più vulnerabile ai rischi connessi alla fragilità dello scheletro.
La menopausa poi è caratterizzata da un calo degli ormoni femminili, gli estrogeni, che tra le altre funzioni agiscono nella regolazione del rimodellamento osseo.

Gli esperti affermano che la quota raccomandata di calcio si raggiunge tramite tre espedienti: la dieta, il sole e l’attività fisica. Purtroppo le italiane sembrano prestare poca attenzione a questo tema, tanto che due su tre, secondo gli ultimi dati, non assumono abbastanza calcio.

Gli alimenti più ricchi di calcio sono i latticini: latte, yogurt e formaggi. «Le giovani, attente alla linea, rinunciano al consumo di latte e formaggi a causa del loro contenuto in grassi e del loro apporto calorico - fa notare la dottoressa Bianchi – Lo stesso si può dire delle donne vicine alla menopausa, che temono di ingrassare e di far aumentare il colesterolo. Questa limitazione può portare a carenze di calcio e quindi a un impoverimento della massa ossea che si aggiunge a quello direttamente legato alla menopausa».

Sole e moto sono importanti invece per un altro motivo. «Per assicurarsi un efficiente assorbimento intestinale del calcio presente nei cibi e stimolare la mineralizzazione dell’osso è essenziale la vitamina D, che interviene nella fissazione di calcio e fosforo nello scheletro – spiega l’esperta - L’organismo la produce spontaneamente nella pelle per azione della luce solare, ma con l’età la sintesi si riduce, per questo in molti Paesi il latte e altri cibi sono fortificati con l’aggiunta di piccole dosi di questa vitamina.

È quindi importante esporsi regolarmente al sole, protette da un adeguato filtro protettivo. Inoltre una moderata ma regolare attività fisica è importantissima per mantenere l’osso in salute: il peso del corpo e l’azione dei muscoli lo rinforzano».


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Presentazione Danaos di Danone

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti