Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Vita di coppia

Uomini: un matrimonio felice protegge dall'ictus

di
Pubblicato il: 31-03-2010

Un nuovo studio israeliano rivela come un matrimonio sereno sia un toccasana per la salute, soprattutto maschile. Lo sposo felice infatti corre meno rischi di essere colpito da un ictus

Uomini: un matrimonio felice protegge dall'ictus © photos.com Sanihelp.it - Il matrimonio fa bene alla salute, soprattutto maschile. A rivelarlo uno studio israeliano, presentato alla conferenza internazionale dell'American Stroke Association a San Antonio (Usa). Lo sposo felicemente coniugato vedrebbe ridotti i rischi di ictus. L'indagine è stata condotta su 10.000 israeliani e ha mostrato come sia i single sia i mariti infelici e insoddisfatti corrano un rischio molto più alto di avere un ictus fatale.

La ricerca presentata dal team di Uri Goldbourt della Tel Aviv University conferma ancora una volta che il miglior alleato per scongiurare il pericolo di ictus è uno stile di vita sano, ma che anche un matrimonio sereno abbia un ottimo potere. Il team ha seguito un buon gruppo di uomini a partire dagli anni Sessanta, quando i volontari avevano in media 49 anni.

Poi i ricercatori hanno esaminato tutte le vittime di ictus nei successivi 34 anni, confrontando la loro salute con la situazione matrimoniale del campione generale realizzata attraverso alcuni questionari. Dopo aver corretto i dati per tenere conto di fattori come denaro, lavoro, pressione alta e fumo, i ricercatori hanno scoperto una chiara correlazione tra rischio di ictus e matrimonio.
I single corrono un pericolo del 64% più alto di morire per ictus rispetto a chi si è sposato.

La qualità del rapporto gioca un ruolo rilevante: i mariti infelici hanno un rischio del 64% maggiore rispetto agli sposi felici e soddisfatti dell'unione con la propria compagna.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti