Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Giornata Mondiale del Rene

Reni in salute in sette passi

di
Pubblicato il: 09-03-2010

L'11 marzo si celebra in tutto il mondo la Giornata Mondiale del Rene. Gli esperti ricordano sette semplici regole per prevenire le malattie renali.

Reni in salute in sette passi © Rete Sanihelp.it - Le previsioni indicano che entro la fine di quest’anno saranno due milioni e mezzo i pazienti in dialisi cronica a livello mondiale, tra cui più di 50mila in Italia.

Tenere sotto controllo la propria pressione ed effettuare un esame dell’urina sono i primi consigli forniti dagli esperti in occasione della Giornata Mondiale del Rene, che si celebra l’11 marzo ed è giunta ormai alla sua quinta edizione.

I reni svolgono un lavoro silenzioso ma di grande importanza. I reni infatti servono a: depurare il sangue, attraverso il regolare filtraggio e l’eliminazione delle sostanze tossiche con le urine (ogni giorno i nostri reni filtrano e purificano tutto il sangue in circolo, circa cinque litri, per ben 40 volte!); regolare i volumi corporei, con la diuresi e bilanciando i livelli di sodio, potassio, cloro, fosforo, calcio, magnesio, ecc.; produrre ormoni, tra cui l'eritropoietina, che stimola la produzione di globuli rossi, e la renina che interviene nei meccanismi di regolazione della pressione arteriosa.

Mentre un rene sano può essere paragonato a una spugna morbida e porosa, in grado di filtrare i liquidi del corpo umano ed espellerne le impurità, un rene malato è una spugna avvizzita che, non riuscendo più ad assolvere alle sue funzioni, determina un accumulo di sostanze pericolosamente tossiche nell’organismo.

Purtroppo quando i reni si ammalano non è facile accorgersene. Le cause più comuni che portano all’insufficienza renale sono il diabete e l’ipertensione arteriosa. Il 72% dei dializzati nel mondo sono pazienti diabetici o ipertesi. Il diabete - sostengono i nefrologi - si complica con il danno renale per il 40% dei casi.

Ma prevenire è possibile: controllare bene il diabete e la pressione arteriosa può significare bloccare l’evoluzione del danno renale verso la dialisi. Controllare la malattia renale significa anche migliorare la prognosi cardiovascolare (chi è malato di reni spesso soffre di malattia cardiaca).

Se un’adeguata informazione è la prima regola della prevenzione, quest’anno per dare risonanza alla Giornata Mondiale del Rene è stata coinvolta come testimonial della campagna la campionessa olimpionica Federica Pellegrini.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SocietÓ Italiana di Nefrologia e Fondazione italiana del rene

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti