Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Decalogo

Timidezza: i dieci consigli di Marco Rossi

di
Pubblicato il: 09-03-2010

Il dottor Marco Rossi, psichiatra e sessuologo, ci accompagna alla scoperta della timidezza e ci consiglia alcune mosse che possono essere utili per affrontarla

Timidezza: i dieci consigli di Marco Rossi © SXC Sanihelp.it - La timidezza ha base caratteriale, è una peculiarità della personalità di un individuo. Spesso le persone timide durante l’infanzia non hanno avuto input sufficienti per credere in sé e nei propri valori. Una volta cresciute queste persone sentono i propri difetti emergere maggiormente rispetto alle qualità.

1. L’importante è imparare a guardarsi dentro, valorizzare le proprie qualità e puntare a migliorare gli ambiti ritenuti difettuali.

2. Leggere il più possibile e migliorare la curiosità del sapere. Ciò consentirà di essere informati e poter così interloquire con chiunque in qualunque situazione. Poter sostenere diversi argomenti di conversazione è una risorsa preziosa nell’instaurare relazioni.

3. Fare sport. Praticare sport di squadra in età giovanile è utilissimo per la socializzazione. Da adulti vanno bene anche attività più solitarie come la corsa o il nuoto, l’importante è che l’individuo impari a sviluppare la capacità di sentire la forza e il potere del proprio corpo. La timidezza è un fatto anche corporeo, non solo mentale. Sentirsi in forma e avere più consapevolezza del proprio fisico è un ottimo presupposto per relazionarsi in maniera più sicura con gli altri.

4. Cercare di avere un lavoro appagante, che sposi i nostri interessi. Passiamo la maggior parte del nostro tempo al lavoro e svolgere una professione che ci fa star bene ci fornisce ulteriore sicurezza e serenità.

5. Le persone timide hanno molta difficoltà nei nuovi approcci. La loro classica preoccupazione è il non sapere cosa dire. In una fase iniziale il contenuto di ciò che si dice conta al 7%, il 93% è dato dalla corporeità, dai movimenti e dal tono della voce. Come si parla è dunque in questa fase più importante di ciò che si dice.

6. Parlare in maniera sicura può non riuscire naturale: ci si può allora allenare davanti a uno specchio a esprimersi con sicurezza e disinvoltura, senza preoccuparsi di formulare frasi particolari.

7. Ciò che diamo agli altri è ciò che di solito ci torna indietro. Se ci presentiamo con imbarazzo, avremo una risposta imbarazzata, se ci approcciamo in maniera serena, otterremo serenità. In una fase iniziale di relazione è come se gli altri fossero un po’ il nostro specchio.

8. Non si deve cercare di nascondere la timidezza con uno stile ostentato. Meglio scegliere un abbigliamento adatto alla situazione, in cui però ci si senta a proprio agio. Le persone timide esteticamente troppo costruite rischiano di scivolare nella goffaggine.

9. Ognuno deve imparare a trovare il proprio stile, guardando, informandosi, osservando gli altri e facendo prove.

10. Lo stile non dipende dalla griffe, ma dall’unione di abbigliamento e accessori che meglio valorizzano la nostra personalità.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Marco Rossi

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti