Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Provato per voi

Fanghi antistress per capelli unti o sfibrati

di
Pubblicato il: 18-05-2010

Sui capelli lo stress si può manifestare in due modi: indebolimento dello stelo o comparsa di sebo e forfora. Per una remise en forme completa, che porti sollievo alla cute, nutrimento ai capelli e relax a tutto l'organismo, arrivano i fanghi.

Fanghi antistress per capelli unti o sfibrati © Sxc Sanihelp.it - Ci sono periodi dell’anno (i cambi di stagione, le malattie invernali, il pre e post-vacanze estive), condizioni ambientali (vento, sole, smog) e momenti della vita (la gravidanza, il ciclo mestruale, la menopausa) che possono risultare particolarmente stressanti per i capelli. Sottoposti a forti sbalzi ormonali e/o a repentini cambiamenti di temperatura e umidità, i capelli possono apparire spenti, opachi e sfibrati, la cute desquamarsi facilmente e produrre sebo in eccesso e forfora.

In questi momenti difficili serve un trattamento d’urto completo: esterno e interno. Da un parte deve intervenire prontamente e in modo mirato su cute e capelli, con formule ristrutturanti e riequilibranti, dall’altro contribuire, in modo più generale, ad alleviare lo stress di tutto l’organismo attraverso strategie di rilassamento globale.

A questo scopo ho provato per voi a Milano, presso il Salone Benito & Salvatore Mazzotta Hair Design, un nuovo trattamento ai fanghi disponibile da questa settimana in tutti i saloni di bellezza Framesi (l’elenco è disponibile sul sito www.framesi.it).

Si avvale di speciali fanghi composti da un pool di preziosi minerali: alluminio, ferro, potassio e magnesio. L’effetto congiunto di queste sostanze dà luogo a un’intensiva azione rigenerante e rinforzante che a lungo andare aiuta a contrastare la caduta precoce e l’opacità dei capelli, nonché la fragilità della cute.

Il trattamento comincia con un’analisi del capello e della cute da parte dell’hair stylist, che in base alla tipologia e allo stato di salute del capello e dell’epidermide decide quale fango applicare.

In caso di iperseborrea e forfora, verrà applicato un fango dalle proprietà seboregolatrici e detossinanti, che contiene estratto di limone di Sorrento, zolfo e allantoina. È utile in caso di cute impura e unta, cuoio capelluto ispessito o indolenzito, prurito e sensazione di dover lavare i capelli con maggiore frequenza.

Se invece il problema principale sono i capelli aridi e sfibrati, si opterà per un fango a base di olio di girasole e di lino, burro di karité e seta idrolizzata, che agisce come rimineralizzante e rinvigorente. È utile a coloro che, per svariati motivi, hanno capelli fragili, assottigliati e con e doppie punte, oppure stopposi e secchi, poco pettinabili o che si spezzano facilmente.

I due fanghi si possono anche abbinare: il primo si applica prima dello shampoo, sulla cute asciutta, tralasciando le lunghezze, il secondo invece dopo il lavaggio, sia sulle cute che sui capelli. In entrambi i casi l’impacco viene fatto penetrare in profondità grazie a un rilassante massaggio manuale di circa 10-15 minuti.

Grazie alla sua consistenza e alle sue caratteristiche organiche, il fango crea un film occlusivo che, generando calore, potenzia la penetrazione dei principi attivi nella cute e nei capelli (l’effetto può essere potenziato posizionando la testa sotto una fonte di calore, per esempio una pellicola o un casco da parrucchiere). Per questo l’ impacco di argilla si rivela particolarmente efficace quando c’è la necessità di un trattamento profondo e intensivo.

Per un effetto relax totale, il massaggio al cuoio capelluto viene effettuato su una poltrona che esegue un delicato ma efficace massaggio shiatsu a tutto il corpo, dai piedi fino alle scapole.

Il risultato è evidente fin da subito: la forfora è visibilmente diminuita, il sebo in eccesso assorbito, il cuoio capelluto più asciutto, i capelli più vaporosi e forti, ma soprattutto alleggeriti.

Il trattamento può essere effettuato solo in salone; per un’azione d’urto (per esempio dopo le vacanze estive, se il capello è sfibrato dal sole, o ai cambi stagione quando la forfora aumenta) si consigliano sedute settimanali per circa un mese, per il mantenimento (oppure, per esempio, in questo periodo primaverile per preparare i capelli all’esposizione al sole), è sufficiente una volta al mese.

Il trattamento completo, con applicazione del fango, shampoo e piega, richiede all’incirca 45 minuti (si può fare quindi anche comodamente in pausa pranzo). Non ha controindicazioni (tranne un’accertata allergia a uno o più componenti dei fanghi) ed è indicato per uomini e donne. Il costo, per il solo trattamento al fango con lo shampoo, è di circa 25-30 euro.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti