Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Nasce l'asilo nido immerso nella natura

Cinque motivi per scegliere l'agriasilo

di
Pubblicato il: 29-06-2010

Asilo nido disponibile solo per un bimbo su cinque. È nata allora una struttura alternativa, l'agrinido. Ecco cinque motivi per sceglierla per l'anno prossimo o per i giochi estivi.

Cinque motivi per scegliere l'agriasilo © Photos.com Sanihelp.it - Con l’anno scolastico appena concluso si è inaugurata un’esperienza innovativa per i più piccoli: l’agriasilo, una struttura di accoglienza per i bambini realizzata all'interno di una azienda agricola. A nove mesi di distanza dall’introduzione di queste strutture d’avanguardia il bilancio è assolutamente positivo.

Innanzitutto l’agrinido ha contribuito in parte alla soluzione del problema della carenza degli asili nido pubblici in Italia e del basso livello di soddisfazione che una famiglia su due (51%) ha dichiarato nei confronti dell'offerta attuale di nidi o scuole materne. Secondo l’Istat, infatti, in Italia sono attivi poco più di 3.000 asili nido comunali, con circa 130.000 posti disponibili; solo poco più di un bimbo su dieci (12%) ha la possibilità di accedervi, con la percentuale che varia dal 17% del Nord Italia al 4% del Sud.

Secondo un’indagine della Coldiretti, più di tre genitori su quattro sono favorevoli all’idea di optare per l’agriasilo. Se il principale ostacolo è legato alle distanze (il 67% degli italiani che è non disposto a percorrere un tragitto che duri più di 20 minuti). il successo degli agriasili è invece dovuto alla grande rilevanza attribuita alla natura nei percorsi formativi: dall’indagine emerge che per gli italiani è molto importante stare all’aria aperta (80%), a contatto diretto con la natura (76%), mangiare cibi del territorio e di stagione (67%) e avere contatti con gli animali (51%). Questi sono i cinque motivi per cui i genitori italiani sceglierebbero queste strutture per far crescere i propri figli (agrinidi per bambini fino a tre anni di età, agriasili per piccoli dai tre ai sei anni).

L’agriasilo è una sorta palestra verde dove coltivare le piante, socializzare con gli animali, imparare a conoscere i ritmi della natura e i principi di un’alimentazione sana.

Ecco qualche esempio di attività e gioco che si può fare anche in famiglia, in campagna:

con frutta e verdura: disegnano usando colori ricavati dalle bucce e dalla polpa degli ortaggi, seminano l’orto, imparano a riconoscere le piante aromatiche toccandole e annusandole
con l’uva: costruiscono un grappolo utilizzando il sughero, pigiano le uve per far uscire il mosto
con grano e altri cereali: preparano i panini e li fanno cuocere, costruiscono strumenti musicali utilizzando i diversi semi
con gli animali: scoprono cosa mangiano i vari animali, portano loro il cibo e danno il latte col biberon ai vitellini, imparano a riconoscere e imitare i versi degli animali
la volpe e le galline: un bimbo fa la volpe e gli altri le galline, quando queste escono dal recinto la volpe deve riuscire a toccarne una, se ce la fa la gallina catturata diviene volpe a sua volta e il gioco ricomincia
vola vola la piuma: un adulto lancia in aria due piume e i bambini, divisi in due squadre, devono cercare soffiando di impedire che la piuma cada a terra.

La possibilità di accedere agli agriasilo è prevista anche per tempi più brevi rispetto alla frequenza scolastica: alcune strutture si sono organizzate per ospitare feste di compleanno o servizi di baby parking per bambini dai 13 mesi ai sei anni. L’apprezzamento per gli agrisilo è dimostrato dalle quasi 100 iniziative in cantiere, molte delle quali si sono già trasformate in realtà, promosse in varie regioni, soprattutto Veneto, Piemonte, Trentino e Friuli.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Coldiretti

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti