Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Psicologia

A Hollywood è di moda la cleptomania

di
Pubblicato il: 22-06-2010

Prima fu Winona Rider in un grande magazzino, poi sono venuti i furti adolescenziali di Megan Fox, quelli di Lindasy Lohan, e ora tocca a Sarah Jessica Parker.

A Hollywood è di moda la cleptomania © Rete Sanihelp.it - Se fosse un virus, a Hollywood bisognerebbe recarsi solo vaccinati: la cleptomania, infatti, sembra contagiare moltissime attrici, a dispetto degli ingaggi milionari che molte di loro possono vantare. Del resto bisogna ammettere che la cleptomania non è un semplice «vizio», ma un vero e proprio disturbo ossessivo-compulsivo che spinge a rubare, senza motivo.

Colpisce soprattutto donne e adolescenti, ma ci sarebbe da chiedersi come mai a Hollywood sia così diffuso. La prima a balzare agli onori della cronaca fu Winona Rider, sorpresa già nel 2001, e poi ancora nel 2008, a rubare in un grande magazzino e in una farmacia dei cosmetici. E sempre i cosmetici sono stati l’oggetto del desiderio che ha spinto un’ancora adolescente Megan Fox ad alcuni furtarelli che lei stessa ha recentemente confessato.

Secondo gli esperti, la cleptomania spinge a rubare anche senza averne bisogno e spesso anche oggetti di poco valore, solo per il gusto di rubare. Non stupiamoci, quindi, se Sarah Jessica Parker è stata sorpresa, a quanto si dice, mentre trafugava dalle scene di Sex and the city 2 ben 24 bicchieri da cocktail in cristallo Swarovski del valore di 5 mila dollari. Per lei, ingaggiata per 15 milioni di dollari, i 5 mila del servizio sono sicuramente briciole.

A volte, inoltre, è l’occasione a rendere l’uomo, o meglio l’attrice, ladra: come la Carrie del piccolo schermo, anche Lindsay Lohan, nota per le sue numerose intemperanze, ha approfittato di un set, quello fotografico per la rivista Elle, per intascarsi come souvenir, una preziosa parure di gioielli. È naturale e ovvio anche il sospetto che spesso, dietro tutti questi episodi di cleptomania, ci siano manovre pubblicitarie, per attirare l’attenzione sulle attrici o sul film che le vede protagoniste. Altrimenti un aiuto dallo psicoterapia non guasterebbe.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Internet

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti