Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Alle zanzare non piace il sangue piccante

di
Pubblicato il: 04-08-2003

Creme e spray repellenti irritano spesso la pelle. I danni ambientali degli insetticidi li conosciamo bene. Le zanzariere fanno sentire in gabbia. È possibile che non esiste un rimedio che allontana le zanzare senza il rischio di catastrofi ecologiche e senza costringerci a barricarci in casa a luci spente?

Sanihelp.it - Sono tanti i rimedi che la tradizione popolare ha tramandato di generazione in generazione. Molti sanno che il profumo dei gerani è sgradito ai fastidiosi insetti dal pungiglione facile. Incrociamo le dita, il prossimo anno potrebbe scoppiare la moda della collana o delle cinture al geranio, anche se la soluzione non sembra delle più pratiche.

Ogni popolo ha le sue tradizioni e la sua medicina popolare. In Messico per esempio le genti del luogo consigliano di mangiare tanto peperoncino. Secondo i discendenti dei Maya il chile ha la capacità di scacciare le zanzare grazie a particolari odori che si rilasciano attraverso il sudore. Se ripenso al soggiorno Messicano di alcuni anni fa, non ricordo problemi particolari con le mosquito, ed effettivametne mangiavo molto peperoncino. Ci sarà una spiegazione scientifica?

«Effettivamente le zanzare, come gli altri insetti ematofagi, individuano la vittima soprattutto grazie agli odori», commenta il professore Romeo Bellini, entomologo del Centro Agricoltura e Ambiente, uno dei più importanti laboratori italiani che si occupano del controllo delle zanzare.
«I mammiferi emettono centinaia di sostanze tramite la pelle tra le quali le più importanti per le zanzare sembrano la CO2, il vapore acqueo, il gradiente termico rispetto all'ambiente, le vitamine, i composti ureici, il sudore e i vari acidi lattico, butirrico ecc.»

Il meccanismo è quindi confermato da un esperto, ora va chiarito quanto l’alimentazione può influire su questi parametri. Navigando per la rete alla ricerca di informazioni ho scoperto che le vitamine del gruppo B (B1 e B6) e la vitamina C aiutano a scacciare le zanzare, grazie alla produzione di un particolare odore prodotto nel sudore.

Non resta che conoscere le proprietà nutrizionali del peperoncino e fare un confronto. Bene, nel peperoncino sono presenti la vitamina B1, B2 e la C. Nonostante forti coincidenze restano ancora dei dubbi circa la quantità, l’efficacia e soprattutto c’è da chiedersi come sia possibile che un rimedio, semplice e gradevole ai più, non è stato diffuso e portato alla conoscenza di tutti.

«Non è da escludere che l'alimentazione influenzi gli odori della pelle e di conseguenza il grado di attrattività verso le zanzare», precisa Bellini, «bisognerebbe fare degli studi specifici per definire meglio queste proprietà e capire i possibili utilizzi».

Il fatto che ognuno attira le zanzare in maniera differente potrebbe avallare questa ipotesi, qualche accorgimento nell’alimentazione potrebbe essere dunque la chiave per vincere le lunghe battaglie notturne contro le zanzare.

«La differenza da persona a persona dipende dalla qualità e quantità dell'emissione odorosa», precisa l’entomologo, «i bambini attirano in genere più degli anziani perché hanno un metabolismo più spinto. Una persona che fa sport emette più odori di una che legge il giornale, ecc. Ognuno di noi emette un blend personale di odori che può attirare più o meno intensamente le zanzare».

A livello scientifico non c’è nulla di certo. L’alimentazione può essere sicuramente un aiuto, la soluzione può essere ricercata attraverso l’uso di più alimenti. Attendiamo fiduciosi, nella speranza che oltre al menù vegetariano e quello per diabetici nelle proposte dei ristoranti compaia presto anche il menù anti-zanzare.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti