Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Acqua a volontà

di
Pubblicato il: 13-07-2010

Bere almeno 2 litri di acqua al giorno: è quanto raccomandano i nutrizionisti per star bene in salute; tutte le altre bevande, invece, vanno assunte con le dovute cautele

Acqua a volontà © Sxc Sanihelp.it - Chi beve due litri di acqua al giorno può dire di aver idratato correttamente il proprio organismo, di aver reintegrato i liquidi persi con la sudorazione, eliminato le tossine e lottato contro gli inestetismi della cellulite.

Perché bisogna bere almeno due litri di acqua al giorno?
Perché ogni persona adulta dovrebbe bere un millilitro di acqua per ogni caloria spesa; dunque una persona in buona salute che brucia dalle 1800 alle 2000 cal al giorno deve introdurre due litri d’acqua.
L’acqua si introduce anche con l’alimentazione: frutta e verdura sono costituite di acqua fino al 90%, il pesce fino al 65% e la pasta e la carne fino al 60%.

La Società Spagnola di Nutrizione Comunitaria (SENC) ha messo a punto una piramide dell’idratazione per consigliare correttamente come, quando e cosa bisognerebbe bere nell’arco della giornata: non si beve solo acqua, ma tutti i giorni sono davvero tanti i liquidi che a volte vanno a soppiantare in grande parte l’acqua.
La SENC alla base della piramide ha posto l’acqua di rubinetto, microfiltrata, imbottigliata dichiarandola adatta a tutti e senza alcuna limitazione, unico consiglio è da preferire quella naturale a quella gassata soprattutto se si ha la tendenza a soffrire di gonfiore addominale.

Al gradino superiore i ricercatori hanno messo le bevande con proprietà e contenuto calorico simile a quello dell’acqua ovvero te e tisane non zuccherate, bibite light e con calorie zero: in questo caso il consumo non è libero perché va controllato l’introito di xantine, le sostanze eccitanti del te e nel caso delle bibite light va limitato il consumo di conservanti e dolcificanti, per questo si consigliano l’assunzione di due tazze di te e di una lattina di bibite light al giorno.

Al gradino ancora successivo si collocano le spremute e i centrifugati non zuccherati, i succhi industriali senza zuccheri aggiunti: non se ne dovrebbero consumare più di due bicchieri al giorno.
Al gradino successivo si collocano il latte sia vaccino che di altra derivazione (soia, avena, riso), i succhi di frutta zuccherati, il te zuccherato , le bevande energetiche a base di sali minerali tutte bevande che vanno inserite con estrema attenzione nel menù giornaliero di ogni individuo al fine di non aumentare eccessivamente l’apporto calorico.

Al vertice della piramide, infine, sono stati collocati gli alcolici come vino e birra, che vanno consumati con moderazione, un bicchiere di vino ai pasti o una lattina di birra al giorno e le bevande zuccherate e gassate che andrebbero strettamente limitate per chi ha problemi di sovrappeso, tanto da non consumarne più di un bicchiere a settimana.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SENC

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti