Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Rischio annegamenti: parte Acquaticità e sicurezza

di
Pubblicato il: 26-07-2010
Sanihelp.it - Nonostante la nostra penisola abbia ottomila chilometri di coste, laghi e fiumi balneabili, gli italiani hanno paura dei fondali profondi e il 43% non sa nuotare. Una situazione che solleva anche il problema sicurezza: secondo l’Istituto Superiore di Sanità infatti in trent’anni le vittime per annegamento sono state 24.496. Il rischio colpisce soprattutto bambini e adolescenti. I dati sono stati presentati durante la campagna Acquaticità e sicurezza 0-12 anni. Dai primi bagnetti alla prima scoperta del mare: un progetto del pluricampione mondiale di immersione e apnea Nicola Brischigiaro, sostenuto dal Ministero della Salute.

Nei Paesi industrializzati, secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità, la maggior parte degli annegamenti che coinvolgono i bambini avviene nelle piscine, comprese quelle mini, pubbliche e private.
In Europa perdono la vita 5.000 bambini tra 1 e 4 anni e in tutto il mondo sono 175.000 le morti per annegamento tra 0-17 anni.
L’Oms sollecita gli Stati a predisporre una politica di monitoraggio e prevenzione, puntando sulla sensibilizzazione e sull’educazione alla sicurezza.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti