Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dopo il sole

Pelle, parola d'ordine: riparare

di
Pubblicato il: 07-09-2010

Macchie, linee e piccole rughe: il sole può lasciare sulla pelle qualche spiacevole ricordo. Per riparare i danni vengono in aiuto cosmetici mirati, ginnastica facciale e una tecnica laser.

Pelle, parola d'ordine: riparare © Photos.com Sanihelp.it - Ci risiamo. Dopo l’estate e le esposizioni selvagge al sole per ottenere una tintarella doc, veniamo prese dai soliti sensi di colpa per la salute della nostra pelle. E dire che ormai lo sappiamo bene: i raggi UV sono uno dei principali responsabili di accelerazione dell’invecchiamento cutaneo.

I raggi infatti causano un danno diretto al DNA cellulare, alterando il processo di rigenerazione cutaneo, e un danno indiretto, derivato dalla liberazione dei radicali liberi nel corso dell’infiammazione post-UV. I risultati sono la disorganizzazione collagenica, una texture cutanea disomogenea e la precoce comparsa di linee e rughe, ovvero delle cicatrici solari che costituiscono la prova tangibile della perdita di collagene da prolungata esposizione ai raggi UV.

«L'abbronzatura è una falsa amica: finché la pelle conserva una bella tonalità dorata, l'effetto è piacevole, ma i problemi arrivano non appena l'abbronzatura sbiadisce, facendo emergere tutti gli effetti collaterali del sole - spiega Patrizia Gilardino, chirurgo plastico di Milano socio del Sicpre, Società italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica - È accertato da studi scientifici che il 70% dell'invecchiamento della pelle dipende dal sole. I danni sono evidenti già con il ritorno in ufficio, quando compaiono pigmentazioni, macchie, ma anche piccole rughe».

«Per prevenire la comparsa di ulteriori rughe e alterazioni nella texture è necessario innanzitutto adottare profondi cambiamenti al proprio stile di vita: buona igiene, esercizio fisico regolare, alimentazione adeguata, esfoliazione, idratazione e scrupolosa protezione solare – raccomanda il dottor Paolo Giacomoni, direttore ricerca e sviluppo laboratori Clinique –Inoltre, più conosciamo le forme di accelerazione del processo di invecchiamento indotto dallo stress, più comprendiamo l’importanza di yoga, meditazione ed altre pratiche rilassanti ai fini di una pelle dall’aspetto giovanile».

E a proposito di tecniche naturali, esiste un programma innovativo di ginnastica facciale specifica contro l'invecchiamento della pelle. Si chiama Visavì e parte dal presupposto che il turgore della pelle non è dovuto solo alla sua elasticità, ma soprattutto alla tonicità dei muscoli che la sostengono. Bisogna allenare questi muscoli affinché si mantengano tonici nel tempo.

Gli esercizi di Visavì rieducano e restituiscono volume alla muscolatura del viso in modo facile e rapido perché basati sull'effetto della resistenza opposta dalle mani alle contrazioni del viso (contrazioni isotoniche). Consentono di riempire le pieghe nasolabiali, distendere le rughe della fronte, aumentare il volume di labbra e zigomi, rassodare collo e mento, liftare palpebre e sopracciglia. I risultati si vedono dopo tre settimane. (Per info Chiara Garrone: garrone.chiara@libero.it).

E per cancellare definitivamente i segni del sole dal viso, da oggi è possibile ricorrere al laser frazionato, una tecnica a metà strada tra chirurgia e medicina estetica che consente di cancellare tutti i segni del sole e i primi segni d'invecchiamento in una sola seduta e in modo mininvasivo.

È la tecnica ideale per il photoaging (l’invecchiamento indotto dal sole): diminuiscono le macchie, aumenta texture, tonicità e luminosità della pelle, spariscono le piccole rughe. Il trattamento è semplice e veloce, viene eseguito ambulatorialmente utilizzando una crema anestetica; i risultati sono evidenti dopo 10 giorni e rimangono visibili per circa tre anni. Costo: dai 500 ai 1200 euro. (Per info www.gilardinochirurgiaestetica.eu).


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti