Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Musica antidepressiva? Sì ai Pink Floyd, no agli Oasis

di
Pubblicato il: 13-09-2010
Sanihelp.it - L’effetto antidepressivo della musica è noto a tutti. La novità però è che non tutti i generi sono un toccasana per il buonumore. La britannica Glasgow Caledonian University ha condotto uno studio ad hoc, finanziato dall' Engineering and Physical Sciences Research Council.

Semaforo verde per What a wonderful world di Louis Armstrong, un vero inno alla serenità, positiva anche l’energia di Gloria Gaynor con I will survive e per il sound inconfondibile di Comfortably Numb dei Pink Floyd.
Decisamente nemici del buonumore sono invece gli Oasis di Cigarettes and Alcohol, i Verve con The drugs don’t work e Cardiac Arrest dei Madness.

Lo studio ha coinvolto un gruppo di volontari e ha verificato l’effetto di alcune canzoni note sull’umore: gli esperti hanno costruito un grafico per misurare il tipo di emozione provata dalla persona, l'intensità e il ritmo della musica. Il risultato è proprio un modello capace di suggerire una canzone antidepressiva o al contrario deprimente. L'obiettivo è anche quello di arrivare a capire l'impatto dei testi musicali sull'umore e il modo in cui si sceglie una determinata melodia, a livello inconscio, a seconda delle diverse situazioni della vita.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti