Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Come struccarsi correttamente

Via il trucco in 5 minuti!

di
Pubblicato il: 28-09-2010

Struccarsi è un'abitudine sana per la pelle del viso che, pulita in profondità, è pronta a rigenerarsi e a ricevere i trattamenti per la notte. Si può scegliere tra tre tipologie di prodotti.

Via il trucco in 5 minuti! © Photos.com Sanihelp.it - La pulizia serale del viso è un gesto da non trascurare mai, neppure quando si è molto stanche, perché serve a: rimuovere le impurità, cioè i residui organici e inorganici (make-up, cellule morte, sebo, sudore, smog, ecc.) accumulatisi durante la giornata, liberare i pori della pelle, ristabilire l'equilibrio fisiologico della cute e prepararla al riposo notturno.

Purtroppo, però, secondo recenti ricerche condotte da P&G Beauty, molte donne non attribuiscono a questa abitudine l’importanza che merita, ricorrendo a prodotti sbagliati, affrettando i gesti o addirittura saltandola del tutto.
A volte ci si limita a usare solo l’acqua, che non pulisce a fondo lasciando sulla cute residui che con il tempo si accumulano, favorendo la comparsa di punti neri e imperfezioni. Quando si utilizzano prodotti non specifici per la pulizia del viso o inadatti al proprio tipo di pelle, poi, si può sperimentare la sensazione di pelle che tira, oppure di pelle appiccicosa, con il conseguente bisogno di risciacquarla nuovamente.

I prodotti per l'igiene della pelle sono caratterizzati da due azioni sinergiche: da un lato vengono impiegati tensioattivi che eliminano lo sporco attraverso la solubilizzazione o l'emulsionamento; dall'altro fanno uso di sostanze lipofile che asportano le impurità attraverso un meccanismo di affinità.

La scelta è strettamente legata al tipo di pelle: per quelle più grasse è preferibile avvalersi di tensioattivi dall'azione detergente più energica, in grado di asportare anche il sebo in eccesso che si è accumulato durante la giornata; per le pelli più sensibili è invece meglio scegliere detergenti più delicati, con proprietà restitutive e idratanti.

Bastano invece soli cinque minuti per struccare il viso e pulirlo in profondità, scegliendo tra tre possibilità.

1. La saponetta. Accusata di essere troppo aggressiva, perché altera la naturale barriera idrolipidica della pelle, lasciandola più vulnerabile agli agenti esterni e causando disidratazione e secchezza, è tuttavia una soluzione ancora molto amata, soprattutto dalle donne che preferiscono i prodotti naturali. Chi non vuole rinunciare al classico panetto, può scegliere saponi con tensioattivi delicati o optare per i non-saponi, che sono del tutto privi di tensioattivi, più adatti alle pelli sensibili o predisposte alle allergie.

2. Il latte e il tonico. Il latte detergente deve essere a base di grassi naturali, come olio di mandorle o burro di cacao, che rispettano il pH naturale della pelle senza intaccare il sebo. Va spalmato con le mani sul viso umido, massaggiato con cura e poi risciacquato con acqua oppure asportato con un batuffolo di cotone imbevuto di tonico; il latte, infatti, da solo non è sufficiente perché rimuove meccanicamente i depositi di sporco e make up ma non pulisce in profondità la pelle. Per il tonico si può scegliere un prodotto non alcolico (per non togliere il sebo fisiologico della pelle) o una lozione a base di estratti vegetali, come quella di rosa.

3. I prodotti 2 in 1. Racchiudono l’azione di latte e tonico, sono generalmente schiumogeni e, in un solo gesto, assicurano una pulizia completa e profonda. Sono l’ideale per chi ha poco tempo o esige una pulizia più profonda, magari perché deve eliminare un trucco molto marcato.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
A. Di Pietro, Per la tua pelle , Sperling&Kupfer

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti