Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sei studi confermano: l'aromaterapia funziona

Prevenire l'influenza con gli oli

di
Pubblicato il: 05-10-2010

Gli oli essenziali purificano l'aria e uccidono i microrganismi che ci fanno ammalare: lo dicono sei studi scientifici.

Prevenire l'influenza con gli oli © Photos.com Sanihelp.it - Case, scuole, uffici, auto, trasporti pubblici: spazi chiusi, poco arieggiati o ventilati, climatizzati o surriscaldati. La degradazione della qualità dell’aria degli spazi interni è il fattore principale di aumento delle allergie respiratorie (soprattutto quelle causate da acari della polvere, implicati nel 60-70 per cento delle asme allergiche) e ormai, come sottolinea ogni anno la Conferenza Internazionale sulla Qualità dell’Aria degli Spazi Interni, non vi è speranza di miglioramento.

Ma anche chi non è asmatico o allergico risente negativamente di un’aria inquinata: può ammalarsi infatti più facilmente di influenza e raffreddori. Esiste anche una termine che definisce l’insieme dei disturbi provocati dall’aria contaminata degli ambienti chiusi: Sick Building Syndrome, la sindrome dell’edificio malato, caratterizzata da spossatezza, nausea, irritazione delle mucose, delle vie aeree superiori, degli occhi e della pelle, mal di testa, dolori e malesseri generali. Questo disturbo si riconosce dal comparire dei sintomi all’entrata nell’edificio e dalla scomparsa quando se ne esce.

Agire sulla qualità dell’aria è quindi il primo passo per prevenire malanni invernali e allergie respiratorie, riducendo così il ricorso ai farmaci. In questo compito vengono in aiuto alcuni oli essenziali:

albero del tè o tea tree: antisettico naturale, in un recente studio scientifico ha dimostrato la sua azione antivirale, in vitro, contro il virus AH1N1 (quello dell’influenza aviaria) e i virus dell’influenza stagionale
ravintsara: è l’olio essenziale più antivirale che esista, ideale in caso di epidemia influenzale, anche per i bambini
eucalipto radiata: specialista delle vie respiratorie (il suo odore libera i bronchi), è decongestionante, antivirale e antibatterico, espettorante, anti-febbrile e stimolante del sistema immunitario; inoltre calma il naso che cola
alloro: potente ed efficace contro le affezioni virali, compresa l’influenza, è anche antimicotico, antibatterico e analgesico
niaouli: efficace contro tutte le infezioni respiratorie (è antibatterico, antivirale ed espettorante), stimola il sistema immunitario
timo linalolo: antibatterico, antivirale e antinfettivo, rafforza l’organismo e previene le infezioni di orecchio, naso e gola.

I benefici degli oli essenziali sulla prevenzione delle epidemie invernali sono tanti:

• sono naturali, quindi con meno effetti collaterali dei farmaci, ma questo non significa che si possa utilizzarli alla leggera, per essere efficaci è necessario rispettare le raccomandazioni d’uso
• hanno diverse azioni: perché sono composti da numerose molecole differenti, possono agire simultaneamente in molteplici campi. Possono quindi essere allo stesso tempo antibatterici e virali (come il pino silvestre o il timo a linalolo), avere un’azione immunitaria o un’azione antiacaro e antifungo, per limitare le fonti di allergie
• sono efficaci: alcuni sono attivi anche su ceppi batterici resistenti agli antibiotici
• sono sempre attivi: non sviluppano resistenza dell’organismo ai batteri.

Tutti questi oli sono contenuti in uno spray (Puressentiel, 19 euro circa, in farmacia e parafarmacia), da vaporizzare ai quattro angoli dell’ambiente che si vuole purificare (casa, ufficio, automobile ecc.) più volte al giorno e soprattutto prima di andare a dormire. La sua efficacia contro virus, acari e batteri e sul miglioramento della qualità della vita (miglioramento delle funzioni respiratorie e della qualità del sonno, riduzione dei sintomi fisici e psichici di stress) e è dimostrata da sei studi scientifici.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Presentazione stampa Puressentiel

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti