Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Solo 3 bimbi operati su 4 ricevono trattamento del dolore

di
Pubblicato il: 20-10-2010
Sanihelp.it - In questi ultimi anni si è sviluppata una maggiore attenzione nei confronti del dolore nei bambini, un problema per anni misconosciuto e sottotrattato.

La consapevolezza che già in epoca fetale il bambino ha le strutture anatomiche e neurochimiche per percepire il dolore, maturata a partire dagli anni ‘80, ha segnato una svolta, tuttavia ancora oggi il bambino riceve meno cure per il dolore rispetto all’adulto. Molte delle procedure dolorose eseguite in ospedale vengono eseguite senza un adeguato trattamento antalgico.

Particolarmente critico è il trattamento del dolore postoperatorio. In Italia ogni anno vengono operati oltre 100.000 bambini a cui si dovrebbero somministrare farmaci analgesici, ma solo il 30-40% di loro riceve un trattamento adeguato. Le cause di questo bassa percentuale sono diverse, ma il problema principale è che solo una piccola percentuale dei farmaci per la cura del dolore è registrata per l’età pediatrica e il loro uso off label è complesso e poco praticato in molti ospedali.

Gli Anestesisti Rianimatori pediatrici, riuniti a Parma in occasione del 64 ° Congresso Nazionale SIAARTI, denunciano la mancanza nel nostro Paese di farmaci analgesici registrati per la cura del dolore in età pediatrica. Gli anestesisti auspicano la piena attuazione della rete di Cure palliative e Terapia del Dolore pediatriche.

Nel trattare il dolore dei bambini un ulteriore ostacolo è rappresentato dalla difficoltà di determinare il grado di sofferenza attraverso la misurazione del dolore. A differenza dell’adulto, il bambino non è in grado di riportare, nella maggior parte dei casi, le caratteristiche del dolore o l’intensità. Nei bambini in età preverbale, nei neonati, nei lattanti, nei prematuri la sfida è interpretare i segni e i comportamenti che siano riconducibili al dolore.

Inoltre occorre porre attenzione nella scelta delle vie di somministrazione dei farmaci: il bambino può dissimulare o negare il dolore se assumere il farmaco rappresenta un'esperienza sgradita.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
SIAARTI

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti