Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Colpisce quattro milioni di italiani

Artrosi: le nuove cure

di
Pubblicato il: 24-01-2011

Il 26 gennaio 2011 consulti gratuiti in quattro centri per conoscere le nuove terapie per l'artrosi delle mani, una malattia della vecchiaia ma non solo.

Artrosi: le nuove cure © Sxc Sanihelp.it - Il 26 gennaio 2011 è in programma la Prima Giornata Nazionale dell’Artrosi alle Mani. L’iniziativa è promossa dall’Associazione GICAM, Gruppo Italiano Chirurghi Amici della Mano in collaborazione con l’IICM, Istituto Italiano Chirurgia della Mano di Monza, il centro di eccellenza diretto dal professor Marco Lanzetta, il chirurgo noto a livello internazionale per aver partecipato all’esecuzione del primo trapianto di mano al mondo.

Prevede la possibilità, chiamando il numero 039.2324219, di prenotare un consulto gratuito con gli specialisti dei quattro centri che partecipano a questa Campagna (Istituto Italiano di Chirurgia della Mano di Monza, Villa Stuart di Roma, Villalba Hospital di Bologna e Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier, Tv).

«L’approccio più innovativo che utilizziamo – spiega il professor Lanzetta – prevede una serie di applicazioni di un farmaco-gel sulle articolazioni colpite. Utilizzando delle sorgenti di energia, il farmaco viene diffuso in profondità, in corrispondenza dei tessuti malati. Si tratta di una tecnica assolutamente indolore che ci permette di trattare con successo oltre il 50% dei pazienti portatori di artrosi sia sul piano del dolore che del recupero della malattia. In questo modo il paziente può beneficiare di un dosaggio di medicinali antinfiammatori centinaia di volte superiore a quello che assumerebbe per via orale o con un’iniezione senza subirne gli effetti collaterali».

Oggi, inoltre, è possibile rimodellare le dita deformate attraverso l’uso di sonde artroscopiche, di diametro di circa un millimetro, che permettono di lavorare all’interno delle articolazioni malate.

È possibile anche somministrare al paziente alcune terapie a base di integratori antiossidanti e antagonisti degli squilibri degli acidi grassi che combattono, tra le altre cose, gli attacchi dei radicali liberi colpevoli di usurare e danneggiare i tessuti e le cartilagini. È possibile infine ricorrere all’uso delle cellule staminali che possono essere iniettate nell’area danneggiata e indotte, con adeguati fattori di crescita, a trasformarsi in nuove cartilagini.

L’artrosi colpisce in Italia circa quattro milioni di persone. Interessa principalmente le persone anziane ma anche i giovani possono soffrirne. I segni tipici dell’artrosi delle mani possono riscontrarsi nell’80% della popolazione oltre i 65 anni di età. Al di sotto dei 45 anni compare con eguale frequenza nel sesso maschile e femminile mentre oltre i 50 anni risultano maggiormente colpite le donne.

L’età media si sta alzando in modo significativo, e anche da anziani si possono svolgere attività sportive, come il golf, il tennis, le bocce, od hobby che richiedano un uso delle mani molto intenso e particolare, come nel caso degli strumenti musicali, il gioco delle carte, la pittura, scultura, il giardinaggio. Mani artrosiche e trascurate possono impedire di svolgere queste attività con soddisfazione.

Una tempestiva cura, prima che i danni articolari siano irreversibili, resta la soluzione migliore per frenare l’avanzata dell’artrosi nella maggior parte dei casi.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
GICAM

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti