Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Camminare

Nordic Walking

di
Pubblicato il: 25-01-2011

Fabrizio Lorenzoni, direttore tecnico ANI (Associazione Nordic Fitness Italia) ci accompagna nel mondo del Nordic Walking, una disciplina completa e preziosa amica di benessere e salute

Nordic Walking © Rete Sanihelp.it - La storia del Nordic Walking inizia con l’interesse che le autorità finlandesi hanno cominciato ad avere negli anni Ottanta verso l’allenamento estivo dei fondisti proposto al largo pubblico. Le problematiche fisico, psichiche e motorie dei finlandesi non erano diverse da quelle degli altri paesi industrializzati: obesità, ipertensione e problemi cardiovascolari. Le cosiddette malattie del benessere potevano essere combattute molto efficacemente con la semplice attività motoria svolta all’aperto in ambiente naturale e una maggiore attenzione all’alimentazione. Da allora alcuni responsabili tecnici dell’attività motoria finalizzata al miglioramento della salute pubblica in Finlandia, iniziarono a monitorare gli effetti di questa disciplina.

Agli inizi degli anni 2000 un italiano, il maestro di sci Thommy Schoepf, attuale direttore della Scuola di sci di Merano, decise di
apprendere questa disciplina e di proporla nei mesi estivi, periodo in cui era libero dalla sua attività invernale. Nel 2004 Schoepf fondò l’ANI ( www.nordicwalking.it ) e iniziò a formare degli istruttori. In breve tempo anche in Italia questa disciplina ebbe un successo strepitoso.

Cos'è il Nordic Walking? Secondo l’ottica dell’ANI, è un’attività motoria studiata dal punto di vista biomeccanico e metabolico, per migliorare le condizioni psicofisiche del praticante. Questa disciplina si esplica attraverso una tecnica di cammino che si serve di due bacchette appositamente studiate, il cui appropriato utilizzo permette una correzione posturale dinamica e un incremento metabolico
efficace a fronte di una percezione minore della fatica fisica.

Come nasce? Nasce come allenamento estivo per i fondisti, ma a seguito degli studi effettuati dall'ANI, si è evoluta come disciplina per la rieducazione motoria e posturale e ottima soluzione per il mantenimento dello stato di salute.

Dove si pratica? Essendo una disciplina outdoor può essere praticato dovunque, al mare, in montagna, in collina, nei parchi cittadini, logicamente la sua prerogativa resta il benessere per cui sono indicati percorsi agevoli e non troppo impegnativi. Può essere praticato in solitudine, in meditazione, in gruppo per la socializzazione, è veramente molto versatile.

Quale attrezzatura occorre? È un’attività veramente, economica, basta un abbigliamento comodo che lasci libero il corpo di
muoversi senza costrizioni, due bacchette (di buona marca) un paio di scarpe ginniche da marcia, ce ne sono anche appositamente studiate per il nordic walking. Il tutto si può praticare sommando la spesa dell’istruttore, delle bacchette e delle scarpe intorno ai 200 euro. Una volta appresa la tecnica non ci sono più spese, se non il cambio delle scarpe.

Quali sono i benefici della disciplina? Il Nordic Walking è è un’attività motoria a basso impatto che oltre ai benefici fisici, metabolici e posturali è in grado di dare un benessere psicologico. Il Nordic Walking si avvale dei benefici della natura: i colori e gli odori danno tutto quell’apporto relativo alla più efficace cromoterapia e aromaterapia. Il Nordic Walking può essere un'attività socializzante, ma c'è anche chi lo utilizza alla ricerca di quella pace interiore che solo il contatto con la natura, il silenzio, lo spazio, può dare.

Ci sono casi in cui è meglio evitarne la pratica? I casi in cui sia controindicata la pratica del Nordic Walking sono veramente pochi. Penso che si possano riassumere in casi gravissimi di insufficienza cardiaca e/o respiratoria, gravi malformazioni e/o patologie scheletriche. Vi sono poi casi specifici in cui il medico può ritenere sconsigliabile questa pratica.

Perché il Nordic Walking è indicato anche in molte problematiche fisiche e nella prevenzione? Il cammino è la più antica e naturale forma di attività motoria conosciuta dall’uomo, lo studio e l’esperienza che abbiamo acquisito in questi anni ci ha permesso di evolvere la nostra tecnica rendendola idonea all’indirizzo che ci siamo prefissi e cioè una disciplina per il benessere. Molti problemi relativi alle problematiche osteo-articolari sono legati agli errori alimentari, alla cattiva postura, all’errato utilizzo del nostro corpo. Molte problematiche metaboliche sono altrettanto legate alla cattiva alimentazione e alla sedentarietà. Ogni forma di movimento legata a una buona alimentazione risulta utile nel miglioramento dello stato di salute. Nel Nordic Walking, data la sua caratteristica di mettere in moto quasi il 90% dei gruppi muscolari, si ha un incremento metabolico a fronte di una minore percezione della fatica e soprattutto di un minor carico specifico su ogni distretto corporeo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Fabrizio Lorenzoni, ANI, www.nordicwalking.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
4.5 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti