Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Alimentazione in allattamento

La mamma può mangiare di tutto, purché…

di
Pubblicato il: 25-03-2011

Varietà, completezza e moderazione sono le regole per la dieta della neomamma. Nulla va eliminato, se non in caso di presunta allergia.

La mamma può mangiare di tutto, purché… © Photos.com Sanihelp.it - «Mamma non fare diete speciali durante l’allattamento: semplicemente, seguendo i tuoi gusti, mantieni una dieta equilibrata che ti faccia stare bene». È quanto si legge nell’opuscolo per le neomamme messo a punto dal Ministero della salute per la campagna di promozione dell’allattamento al seno.

La mamma che allatta dovrebbe seguire una dieta bilanciata e varia, che comprenda cibi quanto più vicini possibile al loro stato naturale. La varietà assicura l’apporto di principi nutritivi diversi ed evita gli eccessi.

Non è necessario escludere a priori cibi particolari, perché alla nascita il bambino conosce già gli odori e i sapori di ciò che la mamma era abituata a mangiare nell’ultimo trimestre di gravidanza, ed è importante per lui riprendere quelle abitudini.

Solo se in famiglia ci sono precedenti di allergie, vale la pena di essere cauti nella dieta e di evitare noti allergeni durante la gravidanza e l'allattamento, come latticini, frumento, agrumi, grano, nocciole e molluschi.

Le sostanze contenute nel latte materno, infatti, rivestono l'interno dell'intestino del bambino, impedendo che particelle di cibo penetrino nel suo sangue. Quando succede (cosa più frequente nel bambino nutrito artificialmente), i globuli bianchi possono trattare queste piccole quantità di cibo come sostanze estranee e attaccarle, provocando reazioni allergiche come diarrea, infiammazioni nella zona pannolino, al naso o agli occhi, eruzioni cutanee ed eczema, oppure possono rendere il bambino agitato e sofferente. In questi casi è utile eliminare dalla dieta l’alimento sospetto per una decina di giorni e poi provare a reinserirlo.

Anche in caso di predisposizione familiare alle allergie, tuttavia, ci sono buone probabilità che il bambino allattato non sviluppi intolleranze a questi cibi, in quanto l'allattamento riduce il rischio che il bambino diventi sensibile agli allergeni.

Da limitare solo caffè, tè e cioccolato: sebbene non sia un allergene, la caffeina può rendere il bambino irrequieto e insonne.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
La Leche League (Associazione per l'allattamento)

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti