Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Alimentazione in allattamento

Due motivi in più per allattare al seno

di
Pubblicato il: 25-03-2011

Si chiamano DHA e AA e sono due grassi fondamentali per lo sviluppo di occhi e cervello del neonato. La mamma che allatta dovrebbe mangiare cibi che li contengono.

Due motivi in più per allattare al seno © Photos.com Sanihelp.it - Uno dei tanti motivi per cui il latte materno è considerato il migliore alimento in assoluto per i neonati è la presenza di alcune sostanze, gli acidi grassi, fondamentali per lo sviluppo di occhi e cervello. Per questo un gruppo internazionale di esperti di nutrizione infantile ha redatto delle linee guida, pubblicate sul Journal of Perinatal Medicine, sull’importanza di un’adeguata assunzione di DHA omega-3 e AA omega-6 nel corso della gravidanza, dell’allattamento e dell’infanzia.

L’acido decosapentaenoico, o DHA, è uno dei principali grassi strutturali del cervello, della retina e del cuore. Diversi studi hanno dimostrato che è importante per lo sviluppo del cervello, degli occhi e del sistema nervoso dei neonati e supporta a lungo termine la salute del cuore.

L’acido arachidonico, o AA, è il principale omega-6 presente nel cervello, anch’esso importante per il corretto sviluppo dell’encefalo. Inoltre è un precursore di un gruppo di sostanze che svolgono funzioni importanti nell’organismo, in particolare nel sistema immunitario e nella coagulazione del sangue.

La maggiore crescita del cervello dei bambini avviene nel corso della loro vita intrauterina (specialmente nel terzo trimestre di gravidanza) e nei primi due anni di vita: durante questo periodo i neonati hanno la maggiore necessità di DHA e AA, ma non possono produrli da soli.

Per questo le future mamme e le neomamme dovrebbero non farsi mai mancare pesce grasso (la principale fonte alimentare di DHA), carne, uova e latte (che contengono l’AA). L’apporto di DHA consigliato in gravidanza è 200 mg al giorno. In compensazione, può essere utile ricorrere a integratori o ad alimenti fortificati con DHA vegetale.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti