Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute in gravidanza

Future mamme, attenzione alla rosolia

di
Pubblicato il: 28-03-2011

È molto pericolosa in gravidanza: a rischio la salute del bebè. L'unica arma è la vaccinazione. Ecco come si trasmette e come riconoscere i sintomi.

Future mamme, attenzione alla rosolia © Photos.com Sanihelp.it - Come morbillo, varicella, pertosse e orecchioni, la rosolia è una malattia comune nei bambini e del tutto innocua. Se contratta in gravidanza, al contrario, può essere molto pericolosa, soprattutto nei primi tre mesi di gestazione, perché può generare aborto spontaneo, morte del bambino o danni alla sua salute come difetti visivi, sordità, malformazioni cardiache e ritardo mentale.

Dopo i primi tre mesi, la placenta esplica un’azione protettiva ed è quindi più raro che si verifichi un’infezione fetale.

La rosolia è una malattia infettiva causata da un virus del genere rubivirus, della famiglia dei Togaviridae. Si manifesta con un’eruzione cutanea simile a quelle del morbillo o della scarlattina, consistente in piccole macchie rosa che compaiono prima dietro le orecchie, poi sulla fronte e su tutto il corpo.

Altri sintomi comprendono: febbre lieve e mal di testa; leggeri gonfiori dei linfonodi alla base della nuca, sul retro del collo e dietro le orecchie; dolori articolari; occhi arrossati e lacrimosi. In genere i disturbi persistono per circa 5-10 giorni. Spesso, però, passano inosservati e la diagnosi (effettuata tramite analisi del sangue) arriva tardi.
 La malattia si diffonde tramite le goccioline respiratorie diffuse nell’aria dal malato o il contatto diretto con le secrezioni nasofaringee. Ha una incubazione di 2-3 settimane, è contagiosa nella settimana che precede l’apparizione dell’eruzione sulla pelle e per i 4 giorni successivi.

Una volta contratta, la rosolia rende immuni: è possibile verificare l’immunità con il rubeotest, da eseguire possibilmente prima del concepimento e durante i primi esami prescritti in gravidanza.

Al momento non esiste una terapia specifica, a parte l’uso di paracetamolo per abbassare la febbre. L’arma migliore è la vaccinazione, che ha un’efficacia elevata e garantisce immunità a vita. È consigliata e gratuita per i bambini, le ragazze non immunizzate dopo la pubertà e gli operatori che svolgono mansioni a contatto con bambini e/o con donne in età riproduttiva.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Epicentro Istituto superiore di sanitÓ

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti