Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Salute in gravidanza

I 5 rischi del fumo in gravidanza

di
Pubblicato il: 30-03-2011

Le future mamme che fumano mettono a rischio la salute propria e del bambino, che può nascere sottopeso o diventare fumatore da grande.

I 5 rischi del fumo in gravidanza © Photos.com Sanihelp.it - In Italia, il 62% delle donne fumatrici abbandona il vizio durante la gravidanza; si stima che, di queste, dal 70 all'80% riprenda a fumare dopo il parto; il numero delle giovani donne fumatrici è in aumento (circa il 20% fuma), un'uguale prevalenza è riscontrabile anche tra le donne che avviano una gravidanza.

Tali dati, le attuali conoscenze scientifiche e le indicazioni del Piano Sanitario Nazionale segnalano da tempo l’importanza di aiutare le donne in gravidanza a smettere di fumare, per il rispetto della salute propria e del bambino.

L’associazione tra l’esposizione a fumo passivo e una serie di effetti negativi è infatti ben documentata. Fumare in gravidanza aumenta il rischio di:

1. complicazioni della gravidanza, come distacco di placenta, placenta previa e parto prematuro

2. ridotta crescita del feto e basso peso alla nascita: si stima che il neonato di madre che ha fumato durante la gravidanza presenti un rischio doppio di nascere sotto peso (riduzione in peso di 150-200 grammi) rispetto ai nati da madri non fumatrici (ogni anno in Italia nascono 2.033 bambini di basso peso, il 7,9% del totale è da addebitare all’esposizione a fumo passivo della madre in gravidanza)

3. morte improvvisa in culla (SIDS), o morte in culla: la posizione supina durante il sonno, il bambino troppo coperto e il fumo della madre durante e dopo la gravidanza sono stati identificati come i fattori di rischio più rilevanti; in particolare il 16,9 % delle morti in culla (87 bambini) è attribuibile al fumo attivo della madre

4. disturbi respiratori nei bambini: l’esposizione del bambino a fumo passivo può avvenire per passaggio transplacentare nella circolazione fetale; il 21.3% dei bambini che soffrono nei primi due anni di vita per infezioni respiratorie acute, il 9,1% dei casi pediatrici di asma bronchiale, 48.000 bambini con sintomi respiratori cronici, e 64.000 bambini con infezioni dell’orecchio medio devono la propria malattia al fumo di sigarette dei propri genitori

5. maggior rischio di dipendenza da adulti: secondo uno studio condotto dai ricercatori dell'Academy of Finland di Helsinki le donne che fumano in gravidanza rischiano di predisporre i bambini a sviluppare il vizio del fumo una volta cresciuti.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Epicentro Istituto Superiore di sanitÓ

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti