Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ricerca

Tumore al seno e menopausa

di
Pubblicato il: 12-04-2011

Due studi statunitensi mettono in guardia le donne contro l'aumento del rischio di tumore del seno legato al fumo di sigaretta e all'eccesso di peso

Tumore al seno e menopausa © Photos.com Sanihelp.it - Il fumo di sigaretta, compreso quello passivo, e un peso eccessivo si ripropongono come fattori di rischio per l'insorgenza del tumore al seno nelle donne che hanno raggiunto la menopausa. A sottolineare ancora una volta l'importanza di uno stile di vita sano nella prevenzione, sono due studi statunitensi.

Per quel che riguarda il fumo, lo studio è stato pubblicato sul British Medical Journal e riporta il lavoro del team guidato da Juhua Luo. Gli studiosi hanno seguito per circa dieci anni un gruppo composto da circa 80.000 donne tra i 50 e i 79 anni e hanno dimostrato che chi fuma aumenta del 16% il rischio di sviluppare un tumore del seno, mentre per le ex fumatrici l’aumento del rischio si ferma al 9%. Il rischio è maggiore per chi sviluppa il vizio alla sigaretta nell'adolescenza e che il pericolo di ammalarsi di tumore del seno scende a un livello simile a quello dei non fumatori solo dopo vent'anni dall’addio al fumo.

I non fumatori non sono esenti da pericoli, soprattutto se esposti a fumo passivo: le donne non fumatrici che hanno respirato il fumo altrui per 10 anni in età infantile, o per 20 anni da adulte in casa, o per almeno 10 anni sul posto di lavoro hanno un rischio di cancro al seno che aumenta del 32%. Sottolinea Karen Margolis, una delle autrici: «Il fumo è sempre collegato al cancro al polmone, ma ora può essere aggiunto con più forza alla lista dei responsabili del cancro del seno».

Amanda Phipps e colleghi invece sottolineano come un peso eccessivo faccia aumentare il rischio di tumore al seno del 35%. Lo studio, riportato su Cancer, Epidemiology, Biomarkers and Prevention, ha coinvolto per poco meno di otto anni 155.000 donne tra i 50 e i 79 anni. Se è da tempo risaputo che il grasso in eccesso stimoli la produzione di ormoni come gli estrogeni che promuovono la crescita dei tumori del seno, «La novità è che il rischio aumenta del 35% anche per quei tumori del seno particolarmente aggressivi, definiti tripli-negativi, che teoricamente non sono sensibili all’azione degli ormoni perché non hanno i recettori per riconoscerli».

Il legame tra grasso in eccesso e tumore del seno va quindi oltre l’azione degli estrogeni, anche se i meccanismi che regolano questo rapporto non sono ancora del tutto chiari.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
AIRC

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti