Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Mente

Disturbo bipolare per la Zeta-Jones

di
Pubblicato il: 26-04-2011

Anche la moglie di Michael Douglas nella schiena dei famosi colpiti da bipolarismo: per lei ricovero, negli scorsi giorni, in una clinica psichiatrica.

Disturbo bipolare per la Zeta-Jones © Rete Sanihelp.it - Il periodo nero per Catherine Zeta-Jones sembra non voler terminare: prima la grave malattia del marito (un tumore alla gola) fortunatamente risolta, poi i sospetti che lei stessa fosse stata colpita da un’infezione da papilloma virus e ora il suo ricovero per un disturbo mentale.

Sembra infatti che l’attrice hollywoodiana soffra di disturbo bipolare, un disturbo dell’umore, ricorrente e cronico, in cui si alternano fasi in cui il tono dell’umore è alle stelle (mania) e fasi in cui è depresso (depressione). Quando chi ne è affetto affronta una fase maniacale, può manifestare, oltre a una grande euforia, disturbi alimentari, aumento dell’attività psicomotoria ma anche dell’aggressività e abuso di alcol, mentre nella fase depressiva, si riconoscono perdita di interesse, energia e volontà, insonnia o eccessivo bisogno di dormire, stanchezza, sensi di colpa, ipocondria, deliri, abuso di droghe fino anche al tentativo di suicidio.

Catherine soffrirebbe da tempo di questo problema, ma solo ora è stata ricoverata in una clinica psichiatrica del Connecticut, per cercare di risolverlo, almeno secondo il sito del quotidiano Los Angeles Times. Forse l’anno particolarmente stressante che ha vissuto potrebbe aver contribuito a peggiorare la malattia.

Certamente non è il primo personaggio famoso colpito dal bipolarismo, anzi, sin dal passato la malattia ha interessato molte personalità di spicco nel campo delle arti, come Vincent Van Gogh, Virginia Wolf, Wolfang A. Mozart e, più recentemente, proprio nello star system americano, sembra ne siano interessati, tra gli altri, Britney Spears, Carrie Fisher, Mel Gibson e Ben Stiller. Secondo alcuni esperti, infatti, sussisterebbe un legame tra talento artistico e disturbo bipolare, anche se, è bene chiarirlo, questo non significa che necessariamente chi ha questo disturbo sia anche un genio creativo, così come chi ha un talento artistico non necessariamente soffre di bipolarimo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Adnkronos

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti