Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Disturbi alimentari

Anoressia nervosa

di
Pubblicato il: 28-04-2011

I disturbi del comportamento alimentare sono vere e proprie malattie dovute a un rapporto patologico con il cibo, il corpo e il peso. Uno dei principali disturbi è l'anoressia nervosa.

Anoressia nervosa © Photos.com Sanihelp.it - L'anoressia nervosa colpisce prevalentemente le ragazze e si caratterizza per una significativa perdita di peso che porta il soggetto al sottopeso e per un netto rifiuto a mantenere un peso idoneo ad altezza ed età.

Le ragazze sono profondamente insoddisfatte del proprio corpo e del loro peso e vivono questa situazione con forte disagio, per loro il valore personale e l'accettazione da parte degli altri dipende esclusivamenre dall'apparenza e dalla magrezza.

Il DSM IV-R stabilisce come criteri diagnostici:
- Rifiuto di mantenere il peso corporeo al di sopra o al peso minimo normale per età e altezza.
- Intensa paura di acquistare peso o di diventare grassi, anche quando si è sottopeso.
- Alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso o la forma del corpo, ovvero eccessiva influenza del peso e della forma del corpo sui livelli di autostima, ovvero rifiuto di ammettere la gravità della attuale condizione di sottopeso.
- Nelle femmine, dopo il menarca, amenorrea, cioè assenza di almeno tre cicli mestruali consecutivi.

L'anoressia nervosa presenta due sottotipi:
- con restrizioni: nell'episodio attuale di anoressia nervosa il soggetto non presenta regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione (per esempio, vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, duretici o enteroclismi).
- con abbuffate/condotte di eliminazione: nell'episodio attuale di anoressia nervosa il soggetto ha presentato regolarmente abbuffate o condotte di eliminazione (per esempio, vomito autoindotto, uso inappropriato di lassativi, duretici o enteroclismi).

Si tratta quasi sempre di diete fai-da-te e il calo di peso è dovuto in primo luogo da un'alimentazione restrittiva che arriva fino al digiuno; la restrizione può essere qualitativa (eliminazione o riduzioni di cibi ritenuti ipercalorici) oppure quantitativa (riduzione delle porzioni a prescindere dal tipo di cibo). Questo percorso non è sempre facile, richiede ferrea disciplina e forte autocontrollo per ignorare la fame, talvolta i soggetti anoressici cedono e mangiano, perfino arrivando ad abbuffarsi. La trasgressione viene però vissuta come perdita di controllo e quindi come fallimento personale: ciò porta ai sensi di colpa e a sentimenti negativi di autosvalutazione, ci si lascia andare alle abbuffate per poi riprendere in mano il rigido controllo. Si innesca così un circolo vizioso: restrizione/dieta - abbuffata (fallimento e svalutazone) - restrizione/dieta.

Per far fronte alla paura dell'aumento di peso indotta dall'abbuffata le persone anoressiche mettono in campo numerose strategie: si tratta di comportamenti compensatori come un'eccessiva attività fisica e condotte di eliminazione (comito autoindotto, uso inappropriato di lassativi e diuretici).

La persona anoressica vive nella costante ossessione del peso, tutti i suoi comportamenti sono fortemente condizionati dalla costante paura di ingrassare. Più il peso è basso, maggiore è la paura di aumentare di peso. Ogni minima oscillazione di peso viene vissuta come una catastrofe e si esercita un continuo monitoraggio sulle proprie parti del corpo.

L'attenzione e il giudizio rivolti al corpo sono influenzati dall'immagine che si ha di sè: nei DCA (disturbi comportamenti alimentari) e nell'anoressia in particolare sono spesso presenti una percezione distorta del proprio corpo e pensieri disfunzionali riguardo l'immagine corporea. Il disturbo dell'immagine in genere si concentra su glutei, cosce, addome e fianchi. 
Il giudizio su se stessi e l'autostima dipendono dal proprio corpo, dall'immagine di esso e dal controllo che si esercita sul cibo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
DSM IV-R

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti