Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Anche le mamme possono calcolarli

Nuovi percentili per i bebè italiani

di
Pubblicato il: 03-05-2011

Peso e misure del mio bambino alla nascita sono normali? Per saperlo oggi sono disponibili i nuovi percentili a misura di bebè italiani, consultabili on line.

Nuovi percentili per i bebè italiani © Photos.com Sanihelp.it - Quando nasce un neonato si prendono le misure del peso, della lunghezza e della circonferenza cranica e queste misure vengono confrontate con parametri di riferimento (percentili). Finora questo è stato fatto prendendo come modello le curve neonatali straniere, che non sono giustificate per la popolazione italiana, e curve su dati nazionali che però sono risultate parziali o imprecise.

L’esigenza di avere parametri di misurazione per i bimbi italiani omogenei è alla base dello studio condotto da Mario De Curtis della Università La Sapienza di Roma, insieme al professor Enrico Bertino dell’Università di Torino, a esperti di altre università (Novara e Milano) e a 34 Centri neonatali italiani, e che portato alla realizzazione delle nuove carte INeS (Italian Neonatal Study).

L’indagine, finanziata anche dal MIUR, è stato eseguita su 45.462 neonati, distinti per sesso e classificati in base a peso, lunghezza e circonferenza cranica a partire dalle 23 settimane di età gestazionale. I dati così ottenuti sono stati raccolti nelle carte INeS che possono essere considerate le prime italiane ed europee a essere costruite con una metodologia ben definita, con un protocollo specifico e in modo prospettico, evitando quegli errori di campionamento, di misura e di analisi presenti nelle carte oggi disponibili.

«Queste nuove carte sono importanti – spiega Mario De Curtis – perché, oltre a essere utilizzate in campo clinico ed epidemiologico, permettono di identificare alcune categorie di neonati che possono essere a rischio di sviluppare particolari condizioni patologiche nel periodo neonatale e anche a distanza.
Per esempio i neonati piccoli per l’età gestazionale – continua De Curtis - sono a maggiore rischio di presentare disturbi metabolici e quindi devono essere sottoposti a un controllo più attento di alcuni parametri biochimici nel periodo neonatale. Ugualmente i neonati piccoli per l’età gestazionale sono anche a maggiore rischio di sviluppare un ritardo di crescita a distanza».

È in corso l’elaborazione anche di carte antropometriche neonatali per i gemelli e per i nati da genitori non italiani. L’analisi di questi dati permetterà di valutare le differenze antropometriche rispetto alla popolazione italiana e l’eventuale opportunità di costruire carte specifiche per questa popolazione emergente.

Le carte INeS sono disponibili dal mese di febbraio 2011 sul portale della Società Italiana di Neonatologia all’indirizzo www.inescharts.com e consultabili anche dalle mamme.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
UniversitÓ La Sapienza

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti