Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Nutrizione in allattamento

di
Pubblicato il: 13-05-2011

Le donne che allattano al seno il loro bambino devono introdurre almeno 500 calorie in più di quelle raccomandate per il loro peso e la loro altezza.

Nutrizione in allattamento © Photos.com Sanihelp.it - Le donne che allattano al seno il loro bambino devono introdurre un surplus calorico per garantire al neonato una produzione ottimale di latte: questo suprplus è stato stimato in 500 calorie in più al giorno, ma la quota calorica aumenta in caso di donne particolarmente attive, che si accorgono di perdere rapidamente peso durante l'allattamento o che allattano più di un bambino. Per un allattamento ottimale ogni giorno, proprio come durante la gravidanza, andrebbero assunti 400 mcg di acido folico, per questo oltre che di avvalersi di un integratore alimentare bisognerebbe sempre includere nella propria dieta, i vegetali a foglia verde, gli agrumi e i cereali. Dai 19 anni in su le linee guida internazionali raccomandano durante l'allattamento l'assunzione di 1000 mg di calcio ogni giorno: il calcio è presente soprattutto nei latticini e nei prodotti caseari in commercio, inoltre, sono reperibili anche yogurt arricchiti con calcio; piccole quantità di calcio sono reperibili  nelle verdure a foglia verde e nelle mandorle. Le donne vegetariane strette che non assumono derivati del latte, le adolescenti, le donne con problemi economici, quelle con un intake calorico in allattamento inferiore alle 1800 caldie potrebbero evidenziare preoccupanti carenze di calcio, vitamina D e zinco. Le donne che allattano, infine, dovrebbero assumere dai 9 ai 10 mg di ferro ogni giorno e non c'è modo migliore per introdurre il ferro se non attraverso l'alimentazione. Durante l'allattamento bisognerebbe ridurre al minimo l'introduzione della caffeina, che non è presente nel solo caffè, ma anche nella cola, nel te e nel cioccolato poiché è una sostanza che viene escreta nel latte materno e che può provocare irritabilità nel neonato rendendone disturbato il sonno.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti