Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Doppia strategia contro le tossine

Un lettino per disintossicarsi

di
Pubblicato il: 24-05-2011

Per disintossicarsi in vista dell'estate si agisce su 2 fronti: dall'interno, con tisane depurative, e dall'esterno, con trattamenti mirati, come il lettino Dme.

Un lettino per disintossicarsi © Photos.com Sanihelp.it - Pelle opaca, con untuosità e punti neri, pancia gonfia, senso di pesantezza alle gambe, capelli indeboliti, che rimangono sul cuscino, che si sporcano in fretta e non restano in piega: sono i sintomi dell’accumulo di tossine nell’organismo, un fenomeno che si fa sentire particolarmente al cambio di stagione.

Urge un programma d’urto per ritrovare la freschezza, la leggerezza e la vitalità della bella stagione. Si comincia con una bella doccia mattutina: basta scegliere detergenti a base di rosmarino, basilico e/o salvia sclarea per tonificare e rinfrescare la pelle. Utili, per mettere in moto il metabolismo e riattivare la circolazione, i getti di acqua calda e fredda alternati.

Alla sera, invece, via libera al bagno, aggiungendo all’acqua della vasca due litri di decotto di tiglio e 15-20 gocce di olio essenziale di geranio, limone e ginepro: favoriscono la sudorazione e con essa l’eliminazione delle tossine.

Per la pelle, sì a trattamenti mirati. Per purificarla in profondità e favorirne il rinnovamento è ottima l’argilloterapia: le applicazioni di fanghi assorbono scorie e tossine, puliscono la pelle in profondità e la rendono levigata, morbida e purificata.

Ma la disintossicazione di reni e fegato deve iniziare dall’interno: bisogna fare incetta di frutta e verdura di stagione e bere almeno 8 bicchieri di acqua tiepida al giorno, cominciando con uno al mattino a digiuno.

L’idratazione può essere potenziata dall’azione di alcune piante dalle proprietà depurative che, assunte sonno forma di tisane o di integratori (liquidi, in capsule, gocce o compresse) favoriscono i fisiologici processi di diuresi e depurazione, riducendo ritenzione idrica e senso di gonfiore, facendo ritrovare luminosità e morbidezza alla pelle.
Tra le sostanze vegetali a effetto depurativo e drenante ci sono: ananas, tè verde, viola del pensiero, betulla, ortosiphon, asparago, fico, guaranà, tarassaco, peduncoli di ciliegia, tiglio, rosmarino, alghe brune e rosse.

Il colpo di grazia a scorie e tossine arriva da un innovativo trattamento di origine giapponese, che si propone di eliminare gli effetti negativi dell’inquinamento atmosferico e alimentare tramite sabbiature: si chiama Suna Ryoho e si basa sull’uso di uno speciale lettino, chiamato Dôme.

Si tratta di un sistema di sudorazione che utilizza i raggi infrarossi organici lunghi, permettendo di eliminare metalli pesanti e tossine altamente nocive, causa di ritenzione idrica, gonfiori, sensazione di pesantezza e aumento di peso. In questo si differenzia totalmente dalla sauna, dal bagno turco o dall’hamman che espellono solo sale, acido urico, potassio, creatina, urea e acqua.

Una seduta Dôme, attraverso le ghiandole sebacee e apocrine, produce la stessa quantità di sudorazione di una corsa di 30 kilometri ma senza i suoi effetti negativi.
30 minuti di Dôme consentono di perdere sino a 1200 ml di sudore in tutto il corpo e fino a 600 kilocalorie. Non solo: il calore penetrando fino a 40 mm al di sotto della pelle la purifica in profondità e la rende liscia, morbida ed elastica.

Come funziona? Ci si sdraia all’interno del lettino per circa 30 minuti. Al termine della seduta si asciuga il sudore in eccesso tamponando con un panno fresco. Ogni seduta dura massimo 30 minuti e ha un costo di 50-70 euro. A Milano è disponibile presso il centro Bellessenza di Via Giovio 1.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
3.67 stars / 5
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti