Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Mamma e bambino

Bebè, animali e piante

di
Pubblicato il: 25-05-2011

L'arrivo di un bambino non deve costringere a liberarsi di animali domestici o a rinunciare ad averne; occorre però prestare alcune attenzioni, anche per quel che riguarda le piante ornamentali. Vediamole insieme.

Bebè, animali e piante © Photos.com Sanihelp.it - Bambini e animali sono da sempre amici. Cani, gatti, pesci, uccellini e tartarughe saranno solo una gioia per il piccolo di casa, pertanto non c'è bisogno di sbarazzarsene se la famiglia si allarga. Oltre a essere una buona compagnia per i bambini, gli animali sono anche uno stimolo positivo per la loro crescita psicofisica e per la loro educazione.

Occorre però prestare attenzione in maniera scrupolosa ad alcune norme igieniche e sanitarie: mantenere ben pulite e lontano dalla portata dei bambini le ciotole per cibo e acqua e le cassette dei bisogni; portare gli animali con regolarità dal veterinario, per tenere sotto controllo il loro stato di salute e fare tutte le vaccinazioni necessarie.

Occorre valutare la separazione dagli animali domestici nel caso in cui il bambino si rivelasse allergico o nel caso di gravi disturbi comportamentali degli animali.

Se invece il desiderio di avere un animale domestico dovesse insorgere quando avete un bebè già per casa, nessun problema, oltre alle attenzioni già consigliate è preferibile far controllare l'animale dal veterinario prima del suo ingresso in casa, per un controllo scrupoloso che comprenda vaccinazioni, sverminazione e l'esclusione di micosi.

Molti invece sono amanti delle piante d'appartamento, che adornano case, balcone e giardini, in vaso o trapiantate. Anche in questo caso occorre prestare attenzione: molte piante ornamentali, se ingerite, si rivelano tossiche o velenose; ne sono un esempio la stella di Natale e l'oleandro, che possono essere addirittura letali. Soprattutto se avete bambini nell'età dell'esplorazione orale, eliminate o rendete inaccessibili le piante pericolose.

Fate attenzione anche ai trattamenti e se possibile utilizzate i prodotti adatti alle colture biologiche, verificandone l'innocuità per l'uomo.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
I primi mesi di vita del bambino - Red edizioni

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti