Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Problemi estivi

Caldo afoso? Pericolo di colpo di calore

di
Pubblicato il: 31-05-2011

L'estate è alle porte e le temperature si sono alzate notevolmente portando caldo e afa. È importante proteggere la salute dei nostri amici a 4 zampe che soffrono il caldo più dell'uomo

Caldo afoso? Pericolo di colpo di calore © Photos.com Sanihelp.it - Il colpo di calore o Ipertermia è un termine che indica un aumento della temperatura corporea in risposta ad un processo infiammatorio del corpo (febbre) oppure per cause ambientali come il caldo e l’umidità. È una condizione piuttosto grave, che richiede intervento immediato.

Infatti ora che incomincia il periodo più caldo dell’anno, dovremmo stare attenti ai nostri amici a 4 zampe che soffrono più di noi il caldo e le alte temperature.

Cani e gatti non sudano attraverso la pelle come l’uomo, ma si difendono dalle alte temperature con la respirazione a bocca aperta (l’evaporazione tramite la bocca e le prime vie aeree) e con una leggera sudorazione dai piedi e dal naso.

Quando le temperature cominciano a salire vertiginosamente, è importante prendere alcuni accorgimenti in modo che l’animale non cada vittima del colpo di calore:

non lasciare mai l’animale sotto il sole, ma assicurarsi che ci siano delle zone d’ombra;
evitare di far correre l’animale nelle ore più calde;
• lasciare sempre acqua fresca a disposizione, non di frigorifero ma di rubinetto;
non abbandonare l’animale in auto sotto il sole, anche se con i finestrini aperti o in zone ombra o se il clima è ventilato: studi effettuati recentemente hanno dimostrato che la temperatura, nel periodo estivo in un veicolo aumenta di 4°C ogni ora.

Ma come si manifesta il colpo di calore? E come si può intervenire? I sintomi che si manifestano durante un colpo di calore sono: aumento della temperatura rettale (di solito la temperatura normale di un cane è 38,5° C ma in questo caso può arrivare anche fino a 42° C), respiro affannoso, gengive di colore rosso scuro, mucose di gola e bocca secche, salivazione densa, vertigini o disorientamento, animale in posizione supina e incapace di alzarsi, svenimento e perdita di coscienza.

In casi come questo, l’importante è non perdere la calma e cercare di aiutare l’animale con un procedimento di raffreddamento utilizzando stracci o coperte bagnate con acqua di rubinetto, che vanno posti su collo, ascelle e nella zona inguinale. Non usare mai ghiaccio o acqua troppo fredda perché si possono provocare danni più gravi inducendo così un restringimento dei vasi sanguigni e quindi Ipotermia.

Il gatto è meno soggetto al colpo di calore, anche se occorre avere un occhio di riguardo per gli animali a pelo lungo, come Persiano, Norvegese delle Foreste e Maine Coon.

Invece per il cane esistono razze maggiormente predisposte, come ad esempio i cani brachicefali (animali con muso corto e testa larga) come il Pechinese, Bulldog, Carlino e Boxer. Altri animali predisposti, sono quelli obesi, anziani e cardiopatici.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Enpa, Tutto Zampe

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti