Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Cercasi donne per sperimentare la «macchina dell'orgasmo»

di
Pubblicato il: 27-11-2003

Sono iniziati i test clinici per verificare l'efficacia di uno strumento che stimola l'orgasmo nelle donne. Il ricercatore che conduce l'esperimento cerca volontarie. Chi l'ha provato racconta di risultati sconvolgenti.

Sanihelp.it - Tranquilli, non è uno dei tanti annunci che si leggono sui giornali, nemmeno una proposta indecente. Questa è una cosa seria.

Stuart Meloy, chirurgo americano del Piedmont Anestesia and Pain Consultants in North Carolina, sta inizianto una sperimentazione clinica su un apparato che potrebbe essere in grado di stimolare l’orgasmo femminile in donne che per vati motivi hanno difficoltà. Questo studio è stato approvato dalla Food and Drug Administration, l’ente del governo statunitense che ha il compito di monitorare questo tipo di ricerche.

«Pensavo che tante persone avrebbero bussato alla mia porta per partecipare al test», dichiara Meloy, ma fino a ora soltanto una donna l’ha provato. Il fatto più interessante è che ha confessato di aver provato per la prima volta nella vita un orgasmo multiplo.

Questo grazie ad alcuni elettrodi introdotti sotto la pelle in un punto preciso della colonna vertebrale dove si trovano i centri nervosi che portano il segnale dell’orgasmo al cervello.
«L’impulso elettrico, sembra aver premuto l’interruttore giusto» spiega la donna, che aggiunge:«Un’eccellente prestazione!»

Impiantare questi elettrodi costa circa 22.000 euro, ma Meloy non sembra farsene un problema:«Costa molto meno di tanti interventi per l’aumento del seno e di certo i risultati non possono essere paragonati».

Che sia arrivato per le donne il momento di smettere di fingere?

Fonte: New Scientist Magazine


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti