Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Maratona e controlli medici: attenzione ai valori di ferro nel sangue

di
Pubblicato il: 02-12-2003

Una corsa di 42 km e 195 metri non si porta a termine se non si è in perfette condizioni fisiche, per questo motivo è importante fare delle visite mediche per controllare che tutto sia a posto anche prima di iniziare la preparazione atletica.

Sanihelp.it - Non sono tanti gli esami da sostenere, con una visita di idoneità agonistica si può fare un check-up di base che è in grado di dare un quadro generale del nostro stato si salute. Non è un caso che in Italia per correre qualsiasi maratona di un certo livello sia obbligatorio sostenere questa visita.

È quello che raccomanda la dottoressa Katuscia Molteni, responsabile del servizio di medicina sportiva presso il Policlinico dello Sport di Monza. «È una visita abbastanza completa e permette di diagnosticare la maggior parte delle patologie. Nella maratona è molto importante diagnosticare patologie cardiovascolari, come le cardiopatie ischemiche o l’ipertensione arteriosa. Questo in particolar modo se una persona ha un certa età che magari non si è mai sottoposta a visite».

«Un’atleta», continua la Molteni, «consuma sali minerali e in particolar modo ferro. Per questo motivo consiglio a chiunque si sottopone a un’attività così impegnativa di eseguire un esame del sangue completo attraverso il quale si può controllare l’emocromo, la sideremia la creatinfosfochinasi, la transeferrinemia e la ferritinemia.

L’età quindi non va considerata come un limite. Naturalmente tutto deve essere calibrato allo stato del proprio fisico, ma in via generale se una persona sta bene e si è allenata in modo adeguato può fare una maratona a qualsiasi età.

Il vero limite e dato da alcune patologie. Chi soffre di qualsiasi tipo di cardiopatia non può fare un simile sforzo e anche per chi soffre di diabete non è assolutamente consigliabile. «il diabetico dovrebbe essere seguito in maniera particolare. La questione è complicata, in linea di massima si può dire che se è un in buono stato di compenso ed è un ben istruito su cosa fare potrebbe correre. Io comunque non consiglierei la maratona come sport. Ci sono troppi fattori da tenere sotto controllo».

Anche gli asmatici (nel caso di asma da sforzo) non possono fare la maratona così come tutte quelle patologie che non consentono di superare positivamente la visita di idoneità agonistica per qualsiasi sport.



FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti