Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Prevenzione

Diagnosi precoce contro il melanoma

di
Pubblicato il: 07-06-2011

Il melanoma è un tumore piuttosto aggressivo, ma può essere sconfitto se diagnosticato precocemente. La diagnosi precoce consentirebbe di evitare in Italia 1.600 casi all'anno.

Diagnosi precoce contro il melanoma © Photos.com Sanihelp.it - L'appello a una prevenzione maggiore e a un'attenta diagnosi precoce arriva dall'Asco, il più importante congresso di oncologia, in corso negli Stati Uniti a Chicago. Una diagnosi precoce comporta la guarigione per l'80-85% delle donne e il 70-75% degli uomini, a fronte di percentuali praticamente nulle in caso di melanoma già in fase avanzata.

Alessandro Testori, direttore della Divisione melanomi e sarcomi muscolo cutanei dell'IEO di Milano, spiega: «In un tumore come il melanoma è intollerabile che ci sia una diagnosi ritardata. Basta farsi controllare la pelle, i nei in primis, una volta l'anno con una visita dermatologica coadiuvata da un esame in epiluminescenza, e se preso precocemente il melanoma è uno dei tumori più guaribili. Non si può morire di melanoma. È importante farsi vedere dal dermatologo, ma anche controllarsi da soli, non a caso sappiamo che le persone in coppia sono più controllate e meno soggette al rischio dei single, proprio perché si controllano a vicenda. Possiamo fotografare i nostri nei a distanza di 3 o 4 mesi e confrontare eventuali cambiamenti nell'aspetto e nel colore. Il segreto è il sistema ABCDE, ossia valutare asimmetria, bordo, colore, diametro ed elevazione».

Paolo Ascierto, direttore dell'Unità di oncologia medica e terapie innovative all'Istituto dei tumori Fondazione Pascale di Napoli, sottolinea: «Dobbiamo fare più campagne di comunicazione perché evidentemente questo è un tema poco sentito. Se tutte le donne ormai si sottopongono a controlli al seno e ginecologici regolari, deve essere così anche per le visite dermatologiche. Su questo noi in Campania abbiamo varato un progetto innovativo: nelle farmacie c'è un apparecchio che fotografa i nei con una dermatoscopia, poi l'immagine viene inviata all'Istituto e entro 72 ore noi mandiamo il referto direttamente alla farmacia, così il paziente se necessario può immediatamente venire da noi per una visita più accurata». 


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Agi

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti