Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sei a dieta? Controlla il carico glicemico degli alimenti

di
Pubblicato il: 07-06-2011
Sanihelp.it - Secondo uno studio condotto dal Codacons nell’ambito del progetto «Sentinelle della Salute» e finalizzato a monitorare le abitudini degli italiani in materia di benessere, sono circa 8 milioni i nostri conterranei che, in vista della stagione estiva, hanno deciso di mettersi a dieta o di prestare maggiore attenzione ai consumi alimentari nel tentativo di recuperare la forma fisica e sfoggiare un fisico mozzafiato sulle spiagge.

Di questi 8 milioni, tuttavia, circa il 70% segue diete fai da te, spesso sbilanciate e rischiose per la salute, che non tengono conto dei reali bisogni dell’organismo e possono compromettere il normale funzionamento del metabolismo: la dieta dell’ananas, la dieta dello yogurt, la dieta del minestrone ecc.

Un buon piano alimentare deve invece prevedere il consumo di tutti i principali nutrienti - proteine, carboidrati e grassi - nelle giuste proporzioni.
Le ultime tendenze sottolineano inoltre l’importanza del controllo della risposta insulinica, che diventa possibile attraverso la giusta combinazione degli alimenti durante ogni singolo pasto.

Un ottimo esempio è offerto dalla dieta Zona, che ha come obiettivo il controllo degli ormoni che intervengono quando si mangia, il primo dei quali è proprio l'insulina.

Un metodo alimentare che tiene conto del carico glicemico garantisce un miglior controllo nel mobilizzo della massa grassa: il dimagrimento avviene automaticamente quando l'insulina è tenuta in una zona né troppo alta, né troppo bassa.

Un recente studio (maggio 2011) di Bao J, Atkinson F, Petocz P, Willett WC, Brand-Miller JC pubblicato sul prestigioso «The American Journal of Clinical Nutrition» conferma l'importanza del carico glicemico nella risposta glicemica e insulinica post prandiale.

«Oggi in Italia c'è un po' di confusione sull'indice glicemico (IG) e sul carico glicemico (GL).» afferma Gigliola Braga, biologa nutrizionista e massima esperta di Zona in Italia «Qualcuno sostiene erroneamente che l'IG non apporti nulla di nuovo nella valutazione funzionale dei carboidrati rispetto alla loro suddivisione in semplici e complessi e dichiara che gli zuccheri semplici della frutta entrano in circolo velocemente quindi sono ad alto IG, mentre i complessi della pasta e del pane sono a lenta assimilazione e pertanto sono a basso IG. Non è assolutamente vero» continua la dottoressa «come dimostrano gli IG degli alimenti che proprio due autrici di questo studio (Jennie Brand Miller e Fiona Atkinson dell'Università di Sydney) studiano e calcolano da circa 25 anni: il pane, la pasta, il riso ecc. hanno un IG alto perché, nonostante la loro forma chimica complessa, entrano in circolo molto più velocemente degli zuccheri della frutta che, pur essendo semplici, impiegano molto più tempo ad innalzare la glicemia. Ma non basta» conclude l'esperta «ciò che più conta per la risposta glicemica e insulinica è il carico glicemico, il quale, oltre a considerare l'IG cioè la reale velocità di assimilazione dei carboidrati, tiene conto anche della loro densità, cioè del quantitativo effettivamente disponibile. Nonostante la notevole importanza del CG, in Italia questo parametro purtroppo non è ancora sufficientemente considerato. Anzi, molto spesso è ignorato persino dagli esperti i quali rischiano di commettere degli errori di valutazione sui carboidrati che comportano una maggiore possibilità di ingrassare o l'impossibilità di dimagrire

Attenzione dunque a non commettere errori nella valutazione dell’indice glicemico degli alimenti: ne va della linea, ma soprattutto della nostra salute.

Per maggiori info su dieta Zona e indice glicemico degli alimenti ecco una valida guida: http://www.sanihelp.it/dieta/zona/


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Codacons, Enervit, sito ufficiale Enervitwellness

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti