Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

La depressione post-parto

di
Pubblicato il: 19-06-2011

Il parto e la maternità sono in genere momenti unici e bellissimi nella vita di una donna. Tuttavia alcune patologie come la depressione post parto non sono evenienze così rare...

La depressione post-parto © Photos.com Sanihelp.it - Il parto e la maternità sono in genere momenti unici e bellissimi nella vita di una donna. Tuttavia alcune patologie come la depressione post parto, di cui si parla forse troppo poco, non sono evenienze così rare e sono sicuramente situazioni da non sottovalutare per il bene della neo mamma ed, ovviamente, del neonato. Si stima che addirittura il 50% circa delle mamme vada incontro, nei primi giorni dopo il parto, a quella che viene definita come 'tristezza post parto', una situazione non ancora patologica i cui principali sintomi sono rappresentati da insonnia, tendenza al pianto, ansia per la salute del neonato, irritabilità,etc.
Si tratta per lo più di alterazioni del tono dell'umore che regrediscono in pochi giorni e non lasciano nessuna sequela.
Ben più grave invece è la condizione della depressione post parto. Si tratta in questi casi di una vera e propria patologia che va pertanto individuata ed adeguatamente trattata. I criteri di classificazione della depressione post parto sono rappresentati dalla presenza di determinati sintomi per un periodo superiore alle due settimane. Tra questi ultimi possiamo ricordare: presenza di umore depresso per la maggior parte della giornata, un'importante alterazione del peso corporeo sia in termini di riduzione che di incremento dello stesso, insonnia o, al contrario, sonnolenza eccessiva, perdita di interesse per le attività quotidiane, diminuita capacità di concentrazione,  pensieri di morte o di suicidio ricorrenti senza un concreto piano di attuazione o reali tentativi di suicidio.
È chiaro quanto sia importante l'individuazione da parte del personale medico di questi casi e quanto debbano essere immediate la cure da parte di uno specialista.
Le donne maggiormente a rischio per questa patologia sono le mamme adolescenti e pazienti che hanno già avuto episodi di depressione precedenti alla gravidanza.
La terapia medica con antidepressivi o ansiolitici,impostata da uno specialista psichiatra è spesso indicata, a volte per brevi periodi, altre volte invece più a lungo.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione Sanihelp.it

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Video del Giorno:

Promozioni:

Commenti