Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Nuove iniziative

I labrador entrano a scuola per combattere il bullismo

di
Pubblicato il: 28-06-2011

Il bullismo è molto diffuso nelle scuole e colpisce i ragazzi più timidi e indifesi. Con l'aiuto di questi razza straordinaria si cerca di prevenire e reprimere il fenomeno.

I labrador entrano a scuola per combattere il bullismo © Photos.com Sanihelp.it - Il Labrador Retriever è un cane molto dolce, dal buon temperamento, socievole e docile e molto amante dei bambini. È un cane molto incline al lavoro, grazie alla sua abilità di nuotatore, è da sempre utilizzato come cane da riporto. Ma questo suo carattere così affabile, lo rende adatto ad essere impiegato anche per attività di tipo sociale: cane guida per i non vedenti, cane da soccorso sia in acqua che in superficie e cane per la Pet Therapy.

Proprio per quest’ultimo caso, si sta diffondendo sempre più un nuovo impiego per questa straordinaria razza: il cane entra nelle scuole per limitare un fenomeno sempre più in crescita che è quello del Bullismo. Il termine deriva dal termine inglese Bullying e significa letteralmente prepotente, bullo. Questi atti di prepotenza sono esercitati da ragazzi in ambito scolastico a scapito di quelli più timidi e indifesi (soprattutto quelli disabili).

Si è sentito il bisogno di fare qualcosa per ridurre questo fenomeno e in Inghilterra, dove i Labrador sono impiegati già nelle scuole per aiutare i bambini più timidi nella lettura ad alta voce, è stata introdotta una variante della Pet Therapy: il Labrador Oscar nella scuola Cantell Maths and Computing College di Southampton.

Questo cane come agisce? Semplicemente entrando tutte le mattine a scuola come se fosse un alunno, segue le lezioni nelle classi a stretto contatto con i ragazzi, e li controlla durante l’intervallo.

Nel momento in cui percepisce una tensione, si allerta e si dirige verso quella persona e, senza rimprovero o punizione, cerca di calmarla e tranquillizzarla, attraverso lo sguardo e la vicinanza, in modo tale che si accorga dello sbaglio e ritorni sui suoi passi.

Con questo metodo, i fenomeni di bullismo in quel College, si sono ridotti addirittura del 50% solo grazie alla presenza di un cane a scuola. Ai ragazzi il cane non infligge punizioni, ma con le sue doti di socialità e docilità interagisce con loro in modo tale che acquistino sicurezza in loro stessi e imparino a relazionarsi con gli altri senza molestie o arroganza.

Anche in Italia è partito un progetto sperimentale di questo tipo nella provincia di Bolzano in una scuola media e quello che colpisce è che i cani sembrano dei veri e propri studenti modello: arrivano puntuali a scuola, seguono le lezioni in silenzio e con attenzione senza mai disturbare.

Quindi si può dire che questo tipo di cane non sia solo un fedele compagno di giochi e un gran lavoratore, ma anche un ottimo insegnante a 4 zampe, compagno di studi e di vita dal quale non si può far altro che imparare.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Argo, Psicologia canina, Pet Therapy

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti