Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Mangiar bene d'estate

di
Pubblicato il: 19-07-2011

Ogni stagione vuole la sua alimentazione: non è retorico, ma un dato di fatto l'alimentazione va adeguata alla stagione che si sta vivendo

Mangiar bene d'estate © Photos.com Sanihelp.it - Mangiare d’estate come d’inverno?
Assolutamente no: d’inverno l’organismo umano ha bisogno di più calorie per il suo metabolismo basale e per favorire la termoregolazione, mentre d’estate a causa del caldo l’organismo non deve faticare per portare il corpo a temperatura, per questo motivo d’estate bisogna introdurre meno calorie che d’inverno.

In media si dovrebbero introdurre 200-300 calorie in meno e si dovrebbero consumare cibi facilmente digeribili per non affaticare l’organismo che si stanca già abbastanza con il caldo eccessivo.
Ecco perché d’estate si consiglia di ridurre il consumo di grassi e carni in generale, l’organismo infatti per digerire e assorbire ciò che mangia produce calore ecco perché lo stop agli alimenti che richiedono una digestione laboriosa come carne, formaggi e insaccati.

è  consigliabile sostituire questi alimenti con il pesce, per la sua ottima digeribilità e la sua più bassa densità calorica.
Il classico piatto freddo, per le stesse ragioni, andrebbe sostitutio con uova fresche e formaggi freschi; quotidianamente si dovrebbero consumare latte e yogurt che consentono anche una migliore regolarizzazione intestinale.
D’estate si suda molto per questo motivo per reintegrare tutto quello che la sudorazione sottrae bisognerebbe consumare quotidianamente 500-600 g di frutta e verdura che equivalgono, all’incirca, a 5 porzioni fra frutta e verdura.

Attenzione va riservata anche ai condimenti per questo sarebbe bene sostituire le salse e i sughi di carne con sugo di pomodoro fresco e pesto alla genovese.

Vale sempre la raccomandazione di bere almeno 1,52 litri di acqua al giorno, mentre sono completamente banditi alcolici e superalcolici, perché apportano calorie inutili, rallentano i processi digestivi inducendo torpore e debolezza.
Da sfatare anche il luogo comune del consumo di aperitivi, amari e digestivi per placare la sete, in genere non sono dissetanti e apportano molte calorie.
L’unica bevanda alcolica ammessa d’estate, solo in modiche quantità, è la birra anche in virtù del contenuto di vitamine del gruppo B.

Il gelato infine, un vero e proprio alimento che dona sollievo, refrigerio e piace a tutti: si assimila facilmente ed è, anche per questo, particolarmente indicato per chi evidenzia problemi di masticazione come succede per gli anziani: accompagnato da biscotti secchi o servito con una macedonia di frutta, può essere una valida alternativa ad un pasto precucinato o riscaldato.
Un vero e proprio pasto, dunque, una merenda, un dessert ma non sicuramente un’aggiunta ad un lauto pranzo!!!


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Asl2 Savonese

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti