Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Sigarette

I rapporti con le sostanze

di
Pubblicato il: 01-09-2011

Con il contributo della dottoressa Giorgia Aloisio, psicologa e psicoterapeuta (Roma), scopriamo il rapporto che durante l'adolescenza i giovani possono instaurare con le sostanze.

I rapporti con le sostanze © Photos.com Sanihelp.it - I ragazzi possono stabilire un numero infinito di rapporti diversi con le sostanze; per convenzione possiamo raggrupparli in due grandi categorie che rendono più agevole discriminare tra modalità riferibili alla sfera della normalità e modalità chiaramente disadattative.

Nel primo caso i giovani sono fruitori occasionali della sostanza, possono cioè farne uso per un certo periodo di tempo (da pochi mesi fino a qualche anno) in quanto incuriositi dalla novità e desiderosi di sentirsi parte di un gruppo (il gruppo dei coetanei o il mondo adulto), un uso che potremmo definire festivo o anche ricreativo: superata questa fase di definizione di sé e dei propri confini, il fumo può perdere il proprio ruolo nell’economia di vita del ragazzo o proseguire in modo discontinuo, senza generare una vera e propria dipendenza (il cosiddetto craving, cioè il momento in cui è irresistibile il bisogno di assunzione della sostanza). Non compaiono altre condotte legate all’uso di sostanze: i giovani di questo tipo sono solitamente ancora nel processo scolastico.

In altri casi, invece, il rapporto con il tabacco può farsi più regolare e costante, sia nei momenti di socializzazione che in solitudine, associarsi all’utilizzo di droghe leggere (cannabis) o pesanti (cocaina, eroina), ad altre condotte di dipendenza (per esempio da cibo come nel caso dell’obesità o della bulimia), accompagnarsi a comportamenti manifestamente aggressivi verso di sé o verso l’altro: in questo secondo caso ci troviamo più spesso di fronte a ragazzi alla fine del percorso scolastico (ultimi anni delle scuole superiori), all’inizio dell’università o dell’attività lavorativa.

Con l’associazione di altre sostanze, il giovane incontra serie difficoltà a mantenersi costante e affidabile nei suoi impegni di vita, coinvolto com’è in quest’altro genere di attività totalizzante.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Intervista alla dottoressa Giorgia Aloisio

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti