Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Da non sottovalutare

Running.. per molti ma non per tutti: parola di cardiologo

di
Pubblicato il: 20-09-2011

Negli ultimi anni la corsa è tornata di moda. In costante aumento il popolo dei runner improvvisati, noncuranti del proprio stato di salute. Quali i rischi? La parola all'esperto.

Running.. per molti ma non per tutti: parola di cardiologo © Photos.com Sanihelp.it - La corsa è lo sport in assoluto più semplice e immediato da avvicinare.
Per iniziare sono infatti sufficienti un paio di scarpe da ginnastica, abiti comodi, un percorso in piano (sia esso su strada o su sterrato): e il gioco è fatto. 3, 2, 1.. si parte.

Ma è davvero tutto così facile? Oppure ci sono delle precauzioni da prendere, esami a è necessario cui sottoporsi, situazioni da non sottovalutare prima di infilare le scarpette?

Lo abbiamo chiesto al dottor Guidalberto Guidi, cardiologo e medico fiduciario della Juventus FC, che ci ha risposto così:

«L’attività fisica regolare porta indubbiamente a benefici duraturi per la salute. Si stima che nei paesi evoluti circa il 12% della mortalità totale sia da imputare alla sedentarietà della popolazione. Il consiglio di incrementare l’attività fisica, ovviamente sotto controllo, si può estendere dai soggetti sani ai soggetti con ipertensione arteriosa, sovrappeso, diabetici o con colesterolo elevato per i quali si può scegliere di integrare la terapia farmacologica. Tutti comunque traggono giovamento dall’attività fisica regolare, se non altro per il controllo del peso corporeo e del grasso viscerale, dei grassi ematici come il colesterolo, della sensibilità all’insulina, del controllo della pressione arteriosa.»

C’è un limite d’età oltre il quale è preferibile evitare di avvicinarsi alla corsa?

«No, non vi sono limiti d’età per la pratica di attività fisica e del running, salvo per quei rari casi tipici dell’anziano in cui è riscontrabile un aumento di rigidità delle grosse arterie: solo in questi casi gli effetti benefici dell’attività fisica si sono dimostrati minori.»

Cosa succede al nostro corpo quando corriamo?

«Per ciò che riguarda l’apparato cardiovascolare i primi fenomeni che si manifestano con lo sforzo riguardano l’incremento della Frequenza Cardiaca (FC) e della Pressione Arteriosa (PA).
L’incremento della FC è direttamente proporzionale al carico di lavoro, cioè lo sforzo, e lo stesso avviene per la PA.
Andando verso l’età avanzata gli incrementi sono inferiori per la FC e maggiori per la PA, indice di ridotta elasticità dei vasi.

Quali vantaggi apporta la corsa alla nostra salute?

«L’attività aerobica, cioè di resistenza, determina sul cuore un adattamento che consiste nell'aumento di volume delle cavità cardiache.
L’organismo impara a consumare ossigeno in modo ottimale bruciando anche i grassi ai fini energetici, le resistenze periferiche dei vasi arteriosi di piccolo e medio calibro si riducono e, di conseguenza, la PA è più stabile e tende ad essere più bassa in condizioni di riposo

A quali accertamenti è necessario sottoporsi prima di dare inizio alla propria carriera di runner?

«Prima di affrontare un programma di attività fisica è opportuno eseguire preventivamente una valutazione medica accurata, completando gli accertamenti con una prova da sforzo e, negli adulti, con l’ecocardiogramma color doppler. Solo così si avrà la certezza di non correre gravi e inutili rischi anche affrontando sforzi prolungati e/o intensi. E solo in questo modo i benefici del training saranno di gran lunga superiori ai potenziali rischi.»

Quali i campanelli d’allarme da non sottovalutare durante l’allenamento?

«
Sudorazione eccessiva, nausea, cefalea, vertigini, affanno e cardiopalmo non proporzionati allo sforzo sono da considerare campanelli d’allarme di una situazione a rischio. In questi casi è necessario fermarsi immediatamente, coricarsi e se possibile tenere i piedi leggermene sollevati (appoggiati a una panchina o a un albero) per evitare il collasso e conseguenze anche gravi.»

Esistono indicazioni particolari per le donne?

«Sedute anche brevi e/o di modesta intensità di allenamento aerobico possono giovare a tutti i soggetti sedentari. Gli effetti benefici dell’esercizio fisico risultano notevolmente amplificati nelle donne, specie se in menopausa

Ringraziamo il professor Guidi per le preziose informazioni e invitiamo tutti i nostri lettori a dare un'occhiata al decalogo di consigli del nostro cardiologo per correre.. a tutta salute http://www.sanihelp.it/gallery/394/10-regole-allenamento-tutta-salute-regola-n-1/4016.html


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
ufficio stampa dott. Guidi

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti