Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Dall'1 al 7 ottobre si parla di allattamento

Se allatti tu, allatto anch'io!

di
Pubblicato il: 04-10-2011

Promuovere l'allattamento al seno in 7 passi: è l'obiettivo della Settimana dell'allattamento materno. Perché decidere di allattare è innanzitutto una questione di informazione.

Se allatti tu, allatto anch'io! © Photos.com Sanihelp.it - Quando pensiamo al sostegno all’allattamento, tendiamo a considerarlo in due dimensioni: tempo (dalla gravidanza all'introduzione di cibi solidi) e spazio (la casa, la comunità, il sistema sanitario eccetera). Ma niente di tutto ciò ha impatto senza considerare una terza dimensione: la comunicazione!

La comunicazione ha una parte importante nel proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento. Perciò quest’anno la Settimana dell’allattamento materno, promossa da Mami - Movimento allattamento materno italiano, in programma dal 1 al 7 ottobre 2011, è tutta incentrata sull’importanza della comunicazione, soprattutto quella che sfrutta le nuove tecnologie (internet, social network, eccetera). Il messaggio scelto per promuovere la campagna è infatti Allattare al seno, esperienza in 3D.

L’idea è quella di incoraggiare i cittadini a usare la tecnologia per raggiungere il maggior numero di persone con informazioni riguardanti l’allattamento e sensibilizzarle riguardo i conflitti di interesse che potrebbero sorgere quando gli enti che ottengono profitto dalla vendita e dalla distribuzione dei prodotti che rientrano nel campo di applicazione del Codice internazionale sulla Comercializzazione dei Sostituti del Latte Materno (il Codice) promuovono l’allattamento al seno.
Si vuole inoltre allargare il messaggio di sostegno all’allattamento alle figure tradizionalmente meno interessate (per esempio i giovani e gli uomini).

Chiunque può contribuire a questo importante scopo. Come? Ecco le sette raccomandazioni di Mami per la diffusione di una corretta informazione sull’allattamento al seno.

1. Mettetevi in contatto con altri sostenitori dell’allattamento via email, tramite blog, forum e social network.

2. Contattate i comunicatori per professione: insegnanti, giornalisti, studenti, mezzi di comunicazione ufficiali, per sensibilizzarli e aiutarli a costruire e condividere messaggi di vitale importanza.

3. Mettetevi in contatto con le aziende sanitarie locali e aiutatele a dedicare maggiori attenzioni alle donne in gravidanza e alle madri che allattano, o ad attivarsi per fare corsi di formazione sul counseling per l’allattamento.

4. Scrivete ai vostri datori di lavoro, ai governi locali e nazionali, chiedendo loro di sponsorizzare l’evento della Settimana dell’allattamento. Se necessario, metteteli in guardia relativamente al bisogno di prevenire conflitti di interesse evitando le sponsorizzazioni o qualsiasi forma di collaborazione con chi produce e distribuisce prodotti coperti dal Codice.

5. Organizzate un evento durante il quale le persone possano condividere le loro storie in modo creativo: una mostra d’arte, un monologo, un concorso di video o un film festival, un mercatino di arti e mestieri, un forum online.

6. Incoraggiate l’educazione all’allattamento al seno in scuole e università e unitevi a gruppi che promuovono cause sociali per affrontare questo tema attraverso i più svariati punti di vista.

7. E soprattutto…. parlatene con chi vi circonda!


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
MAMI

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti