Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Moda

Costruire un'identità attraverso lo stile

di
Pubblicato il: 15-11-2011

Grazie a Michela Rosati, psicologa e psicoterapeuta a Terni, specializzata in psicoterapia cognitivo comportamentale (www.michelarosati.it), scopriamo come il processo di costruzione di identità passi anche attraverso la moda.

Costruire un'identità attraverso lo stile © Photos.com Sanihelp.it - A causa dei significativi ed evidenti cambiamenti del corpo, durante gli anni dell’adolescenza l’attenzione al proprio aspetto fisico è massima e l’abbigliamento viene generalmente percepito come una declinazione della propria immagine corporea. Più o meno consapevolmente le cose che indossiamo e gli oggetti che usiamo vengono inclusi nell’immagine che abbiamo di noi stessi, in un continuo gioco di rimandi fra noi e gli altri. E quando qualcuno ci fa notare, ad esempio, che il nostro cellulare è ormai più che superato, il più delle volte ci offendiamo e ci sentiamo umiliati.

Gli adulti, tuttavia, hanno maggiori risorse per porsi con un atteggiamento critico nei confronti di tutto questo: la loro identità e la loro autostima si basano su molti fattori, non solo sull’aspetto che ritengono di avere. Gli adulti sanno (o dovrebbero sapere) che l’immagine corporea non è statica, ma soggetta a continue oscillazioni e modificazioni, perciò sono in grado di attribuirle la giusta importanza. 

Gli adolescenti invece stanno ancora cercando di costruire la loro identità personale e, in questo senso, l’identificazione con un gruppo di pari costituisce una parte fondamentale di questo processo. Potremmo dire che i ragazzi cercano negli amici una delle fondamentali funzioni materne: il rispecchiamento. Per crescere adeguatamente hanno bisogno anche di rinforzi esterni e di ripetute interazioni positive con gli altri, per costruire, poco alla volta, la loro autostima. 

Ecco perché per un adolescente è così importante essere vestito come i ragazzi del suo gruppo: sentendosi ancora fragile e indeciso, nel momento in cui vede se stesso riflesso negli altri (imitandone il modo di vestire e di comportarsi) si sente rassicurato e maggiormente fiducioso. Essere rispecchiato positivamente dagli amici è il primo passo per trovare, crescendo, la sicurezza necessaria a fare scelte personali e originali. Anche l’imitazione di un amico particolarmente idealizzato non dovrebbe essere interpretata, da parte dei genitori, come mancanza di personalità. Al contrario, questo atteggiamento è volto ad alleviare le insicurezze che non permettono la piena espressione di sé: l’autostima cresce quando riteniamo di essere simili a persone che noi stessi ammiriamo

È chiaro, dunque, come il rapporto fra adolescenti e moda sia piuttosto complesso e i genitori dovrebbero esserne maggiormente consapevoli. Il rischio di rimanere ancorati a una visione adulta della moda è quello di suscitare diatribe familiari praticamente quotidiane, senza capirne la reale portata psicologica, esacerbando i rapporti, in un periodo così delicato della vita dei propri figli.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Michela Rosati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti