Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ferite: oggi si curano con i sostituti cutanei biotech

di
Pubblicato il: 10-11-2011
Sanihelp.it - Negli ultimi anni il problema delle lesioni cutanee ha assunto un’importanza crescente, soprattutto in relazione all’aumento progressivo della popolazione anziana.
Si stima che in Italia le ulcere colpiscano circa 2 milioni di persone, per lo più over 65, e l’11% dei soggetti ospedalizzati di età superiore ai 65 anni vada incontro a piaghe e ulcere croniche.

Eppure le ferite difficili oggi possono essere curate con successo. Il management di ulcere di vaste dimensioni, non tendenti alla guarigione, post-traumatiche, post-chirurgiche e da ustioni si avvale oggi di sostituti cutanei in grado di velocizzare i tempi di guarigione e soprattutto di promuovere la riepitelizzazione in termini rigenerativi piuttosto che riparativi.

I sostituti cutanei sono prodotti che possono sostituire o rimpiazzare in toto o in parte i componenti normalmente presenti nella cute umana (per esempio epidermide e/o derma, cellula e matrice). Sono progettati per le lesioni che non rispondono alle cure tradizionali e per tutte quelle situazioni nelle quali vi è la necessità di integrare l'attività delle cellule (ulcere diabetiche, ferite problematiche e croniche).

Il vantaggio consiste nella loro capacità di creare e sostenere un ambiente ottimale per l’attività cellulare necessaria per la riparazione dei tessuti. Questi farmaci possono agire anche come rivestimenti biologici che proteggono la lesione dall'ambiente esterno.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
UniversitÓ di California, San Diego, Dipartimento di Chirurgia e Divisione Trauma

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti