Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ti curo

È ammalato: quando chiamare il pediatra?

di
Pubblicato il: 06-12-2011

Quando è ammalato il bambino manifesta la sua sofferenza in vari modi. La prima regola è mantenere la calma, la seconda è rivolgersi al pediatra. Vediamo in quali casi.

È ammalato: quando chiamare il pediatra? © Photos.com Sanihelp.it - Paola Di Pietro, autrice di I primi mesi di vita del bambino edito da Red edizioni, spiega cosa fare quando il bambino è ammalato e quando è consigliabile rivolgersi al pediatra.

La prima cosa da fare è mantenere la calma, il bambino è molto sensibile allo stato d'animo di chi lo circonda e in un momento in cui i disturbi sono per lui fonte di paura, ha più che mai bisogno di essere rassicurato. Proprio per l'età del bambino, il ricorso al pediatra è quanto mai necessario: solo il medico può individuare la patologia, stabilire la cura e rassicurare i genitori sul da farsi.

Ecco alcuni sintomi che dovrebbero indurre i genitori a contattare il pediatra:

- Temperatura corporea superiore ai 38°C.

- Ittero: colorito giallognolo della cute e della sclera (la parte bianca dell'occhio).

- Sanguinamento o infiammazione del moncone ombelicale: forte arrossamento oppure presenza di liquido o pus.

- Pianto continuo e inconsolabile: si prolunga per ore, il bambino fatica a calmarsi anche se tenuto in braccio.

- Pianto acuto con gonfiore, arrossamento e dolore allo scroto.

- Respirazione difficoltosa, spesso con  tosse abbaiante, rientramenti del torace e della gola ed emissione di fischi e gemiti durante la respirazione.

- Suzione difficoltosa, affaticamento, colorito bluastro delle labbra, sudorazione abbondante durante la poppata.

- Stato di torpore: il bambino non sorride, è apatico e abbattuto, piange flebilmente in maniera monotona oppure dorme di un sonno molto pesante, tale da far fatica a svegliarlo.

- Disidratazione in concomitanza a vomito e diarrea: non beve, non urina per più di 8 ore, piange senza lacrime, ha le labbra e la bocca secca.

- Comparsa di macchioline rosso-porpora.

- Rigurgiti persistenti o vomito frequente.

Questi segnali possono indicare problemi da curare in maniera tempestiva, ma non sono necessariamente la spia di una patologia seria. Proprio per questo la valutazione del pediatra è l'unica in grado di indicare come intervenire.




FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
I primi mesi di vita del bambino - Red edizioni

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti