Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Ti lavo

Il baby beauty case

di
Pubblicato il: 13-12-2011

A cosa serve l'amido di riso? Quando si può iniziare a fargli lo shampoo? Cosa usare in caso di crosta lattea? Ecco tutto l'occorrente per il beauty case del piccolo di casa.

Il baby beauty case © Photos.com Sanihelp.it - Si chiamano paidocosmetici, sono i cosmetici per l'infanzia e si dividono in tre categorie: bagnetto (detergenti e shampoo), cambio del pannolino (salviette detergenti, creme protettive e lenitive per la zona genitale) e idratazione (latti e oli per viso e corpo). A queste va aggiunta poi la categoria dei prodotti per la protezione solare.

I detergenti devono rispettare il pH della pelle e contenere sostanze emollienti e lenitive ad alta affinità con la composizione di sebo, come la farina di avena. Un altro ingrediente consigliabile è l’amido di riso: è rinfrescante ed emolliente e contribuisce a ridurre l’irritazione nelle pieghe inguinali, mantenendo la pelle asciutta e prevenendo gli arrossamenti. Per impedire l’eccessiva disidratazione della pelle è bene alternare i bagnoschiuma e gli shampoo agli oli.

Gli shampoo per bambini hanno basi molto delicate, con un pH simile a quello lacrimale, in modo da non far bruciare gli occhi, e una certa viscosità che impedisce loro di colare sul viso. Nel primo anno di vita si può anche non utilizzarli; in presenza di crosta lattea invece l’ideale è un olio-shampoo che ammorbidisce le crosticine favorendone il distacco. 

Per quel che riguarda gli idratanti, dopo il bagnetto è consigliabile l'uso del talco in forma liquida, per asciugare la pelle nelle pieghette evitando che si screpoli o si irriti. Dopo o in sostituzione, si può usare una crema o un fluido altamente idratante (meglio se con fattore di protezione solare) su tutto il corpo e il viso, per proteggere la pelle dall’arrossamento da pannolino e dall’aggressione degli eventi atmosferici. Le formulazioni che consentono di ottenere il miglior effetto barriera sono le emulsioni acqua in olio. E gli ingredienti? Via libera a calendula, burro di karité, bisabololo, malva, altea, amamelide, aloe, fiordaliso, rosa, allantoina e ossido di zinco.

È importante leggere l’etichetta e le istruzioni prima di acquistare questi prodotti. Devono avere infatti precise caratteristiche: totale innocuità sotto il profilo tossicologico (cioè assenza di sostanze tossiche), elevata stabilità, facilità di applicazione e assenza di profumi e coloranti. Dovrebbero anche avere particolari preservanti (diversi dai conservanti), specificatamente usati nei prodotti per bambini, che evitano i rischi derivanti dall’impiego di sostanze inquinate.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti