Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Dieta > Articolo

Sbarazzarsi delle tossine

di
Pubblicato il: 17-01-2012

Come sbarazzarsi delle tossine accumulate durante le abbuffate delle festività? Scelte alimentari appropriate possono aiutare la depurazione dell'organismo

Sbarazzarsi delle tossine © Photos.com Sanihelp.it - Tutto quello che mangiamo viene filtrato dal fegato, una pedina fondamentale dell’organismo umano: quando si introducono grassi e zuccheri in grandi quantità il fegato è costretto ad un vero e proprio superlavoro per trasformare tutto l’eccesso che gli arriva in piccole goccioline di grasso, che nel tempo lo ingrossano e lo portano a mal funzionare.

Il fegato, infatti, non filtra solo gli alimenti, ma anche i farmaci e le tossine: l’alimentazione scorretta e un uso inappropriato dei farmaci, come quello che a volte viene fatto nel periodo dell' influenza potrebbe davvero danneggiarlo!
Il corretto funzionamento del fegato, in particolare, può essere compromesso da un eccessivo consumo di bevande alcoliche, di cibi fritti, molto ricchi di grassi saturi come quelli contenuti in latticini, margarina, insaccati e oli industriali, di bibite gassate, cibi affumicati o gravemente bruciacchiati, dolciumi zuccherati.

Per sentirsi meglio, più in sintonia con il proprio fisico e per aiutare anche la corretta funzionalità epatica, soprattutto nei periodi in cui ci si sente più appesantiti, bisognerebbe iniziare la giornata con il caffè, che sembra esplicare un’azione protettiva per le cellule del fegato, evitando almeno per qualche settimana il latte.

È  severamente vietato saltare i pasti mentre è caldamente raccomandato consumare regolarmente legumi e verdure che per il loro contenuto in fibre si comportano come dei veri e propri spazzini dell’apparato digerente.

Fra un pasto e l’altro è molto salutare assumere una bella spremuta di limone (meglio se non zuccherata) per le sue proprietà depurative; come pure bisognerebbe tenere sempre a mente l’adagio «una mela al giorno toglie il medico di torno»: mangiare almeno due mele al giorno, con la buccia, abbassa il rischio di sviluppare tumori epatici e facilita l’eliminazione di tossine e grassi dal fegato.

Al benessere epatico concorre anche il consumo di carciofi: mangiati 4-5 volte a settimana, preferibilmente crudi riducono il colesterolo cattivo e migliorano il flusso biliare: è dunque un’ottima idea quella di privare i carciofi delle foglie più esterne, affettarli e disporli su delle fettine di parmigiano per poi condire il tutto con un filo di olio extra vergine di oliva.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Newsmediaset

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti