Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

L'importanza della prevenzione

La dermatite atopica si previene adesso

di
Pubblicato il: 24-01-2012

Gli ultimi studi rivelano che è l'inverno il momento migliore per intervenire sulla dermatite atopica nei bambini, con prodotti specifici, ad azione emolliente e idratante.

La dermatite atopica si previene adesso © Photos.com Sanihelp.it - La dermatite atopica colpisce a tutte le età, ma è una malattia tipicamente infantile: interessa infatti 1 bambino su 10 (circa 1 milione in Italia) mentre, in età adulta, la percentuale scende al 3%. È la malattia dermatologica più diffusa nei bambini, con il 90% dei casi d’esordio nei primi 5 anni di vita.

Si tratta di una malattia infiammatoria cronica non contagiosa, caratterizzata soprattutto da secchezza della pelle e prurito, che ha un forte impatto psicologico ed emotivo sul piccolo e la sua famiglia. Eritema, desquamazione, vescicole e lichenificazione della pelle sono i sintomi più comuni.

Nei bambini colpisce la zona delle guance e del mento, la piega del collo, le gambe e le braccia. Un campanello d’allarme per la mamma è la comparsa della crosta lattea o dermatite seborroica del lattante, che a volte precede la comparsa della dermatite.

La sua origine è sconosciuta anche se si osserva una complessa interazione tra diverse cause ed è caratterizzata da un’alterazione della barriera idrolipidica dell’epidermide che porta alla secchezza e ne aumenta la propensione all’infiammazione della cute. L’infiammazione, seppure curata, tende a ripresentarsi a causa del carattere genetico e recidivante della malattia.

«La cura – spiega Giampaolo Ricci, responsabile dell’Allergologia Pediatrica dell’ospedale S. Orsola Malpighi di Bologna – si basa sull'utilizzo continuativo di prodotti emollienti e idratanti e, nelle fasi acute, di farmaci antinfiammatori topici (corticosteroidi, immunomodulanti). L’impiego dei farmaci deve essere limitato nel tempo, per evitare gli effetti collaterali».

Un tempo di pensava che fosse la primavera il momento di maggiore comparsa di malattia. In realtà oggi si sa che è proprio un’esposizione a temperature rigide per molti mesi a mettere a dura prova le protezioni della pelle, che arriva alla primavera ormai priva di difese. Quindi è l’inverno il periodo in cui andrebbero fatti tutti gli sforzi per proteggere e nutrire la pelle con i presidi giusti.

Ma come? «La prevenzione delle ricadute è affidata all’impiego di creme emollienti e idratanti. Ma non tutte vanno bene - specifica Giampiero Girolomoni, Direttore Clinica Dermatologia e Venereologia di Verona - Si devono impiegare prodotti appositamente studiati per la dermatite atopica, ad azione antibatterica, con principi attivi capaci di intervenire sulle involucrine e quindi sul meccanismo che regola la perdita di acqua dagli strati profondi della pelle (TEWL - Trans Epidermal Water Loss) per migliorare lo stato della barriera cutanea. Non devono contenere conservanti, parabeni, coloranti o profumi».

Bisogna poi evitare tutti i fattori che possono peggiorare il quadro clinico: l’esposizione eccessiva della cute all’acqua, il contatto prolungato con saponi e detergenti comuni, tessuti di lana e fibre sintetiche, eccessiva sudorazione, ma anche elementi  psicoemozionali eccessivi.

Circa il 40% dei bambini guarisce completamente, nella maggior parte dei casi entro la pubertà. Nel 20% dei casi la dermatite persiste anche in età adulta, inoltre i bambini affetti da dermatite atopica sono più predisposti allo sviluppo futuro di rinite, congiuntivite e asma bronchiale allergico.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Bioderma

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti